I segnali e le strategie di trading con le notizie Forex per guadagnare con il trading e le opzioni

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

I segnali e le strategie di trading con le notizie Forex per guadagnare con il trading e le opzioni

Mi sono sempre piaciuti i films americani e seguendo l’informazione ieri il mio primo pensiero è stato: ecco, ci siamo! Trasposto in chiave cinematografica, il trailer (anteprima per i più conservatori) sarebbe che con lo storico accordo per la fornitura di gas alla Cina da 400 miliardi di dollari, la Russia di Putin fa il gesto dell’ombrello alle sanzioni dell’occidente. È ora di nuove alleanze globali, di una restaurazione dell’ancien régime in salsa postmoderna che prepara il mondo a nuove contrapposizioni occidente – blocco comunista. E l’anteprima si fermerebbe qui, in attesa del prossimo episodio. E lo spettatore verrebbe lasciato con la consapevolezza che gli equilibri dell’episodio precedente sono cambiati. Un coup de théatre che terrà l’intero mondo con il fiato sospeso.

La Yellen invece non ha detto niente di che.

Market Movers

La giornata sul fronte macro inizia alle 9:30 con il dato sulla fiducia del comparto manifatturiero tedesco nella sua lettura preliminare atteso in sostanziale parità a 54 rispetto al dato precedente a 54.1.

Alle 10:30 il dato preliminare sul prodotto interno lordo nel Regno Unito dovrebbe descrivere un nulla di fatto con il dato atteso in linea con il precedente a 0.8% nella lettura trimestrale e a 3.9% nella lettura anno su anno.

Nel pomeriggio alle 14:30 sarà la volta delle vendite al dettaglio core in Canada attese in lieve flessione a 0.5% rispetto al precedente a 0.6%, mentre per il dato generale la flessione è più marcata a 0.2% rispetto al dato precedente a 0.5%.

Alle 16:00 negli Stati Uniti il dato sulle vendite di case esistenti dovrebbe mostrare una nuova accelerazione a 4.68 milioni di unità rispetto al dato precedente “fermo”, per così dire, a 4.59 milioni di unità.

EUR/USD

Come avevamo anticipato ieri prosegue il trend ribassista di EURUSD che torna in prossimità del supporto a 1.3650 già nel primo pomeriggio di ieri. Un assestamento che sconta la pubblicazione dei verbali del FOMC in cui il braccio armato della FED disegna un bozzetto dell’economia a stelle e strisce sottolineando principalmente le criticità soprattutto in materia di mercato del lavoro. Le conseguenze della pubblicazione dei verbali tuttavia non incidono in maniera considerevole sull’andamento del cambio che dopo un ritracciamento, più che altro tecnico, dopo aver violato al ribasso 1.3650 e toccato il nostro canale ribassista (grafico), riprende a scendere attestandosi in queste ore in zona 1.660. In giornata si attende un aumento della volatilità, quindi attenzione ai movimenti bruschi.

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

GBP/USD

Se vi avessero detto che gli inglesi sono dei maratoneti ci avreste creduto? No certo! Ma la sterlina sì. Dopo aver subito un’impennata sulle vendite al dettaglio che come avevamo detto ieri sono il punto forte dell’economia inglese iperconsumista, fino a toccare quota 1.6920, il cable ritorna sotto la soglia a 1.69, rimanendo comunque saldamente ancorato sopra il supporto mobile (grafico) pronto a riprendere la cavalcata sul dato sul PIL delle 10:30 che, essendo previsto in linea con le attese, potrebbe fornire forte spunto al rilazo qualora uscisse migliore delle attese.

USD/JPY

Ritorna un po’ di debolezza di Yen, niente di particolare dopo i forti recuperi che hanno portato USDJPY da 102.65 fino a 100.80 per poi trascinarlo nuovamente sopra 101.50 dove sta scambiando in queste ore. È l’atmosfera particolarmente densa di eventi sul fronte asiatico a creare volatilità sui principali cambi contro valute orientali. Ma è principalmente la Cina che trascina al rialzo le borse asiatiche con l’indice Nikkei in testa con un eccellente +2.11% e l’Hang Seng che lo segue a distanza con un +0.65%. Dopo i dati sul PMI manifatturiero usciti migliori delle attese a 49.7 e una iniezione di fiducia nei mercati asiatici anche grazie allo storico accordo da 400 miliardi di dollari firmato con la Russa Gazprom che ovviamente penalizza le valute rifugio.

Vuoi cominciare a tradare anche con un broker Forex ma non sai come fare? Clicca qui sotto e apri un conto demo e segui i video corsi gratis di Avatrade.

Strategie Forex vincenti: ecco le migliori

Tutti i trader che si affacciano nel mondo del trading online hanno alla loro base un piano o meglio una strategia Forex, o strategia di trading online. Quando si tratta di strategie di coppie di valute possiamo anche definirlo Forex strategico.

Per questo abbiamo pensato di racchiudere un indice con le migliori strategie Forex per principianti (Strategie Intraday, Strategie Forex Scalping, ecc…) proprio in questa nostra pagina.

Nel nostro caso i trader che si affacciano nel mercato Forex avranno studiato una strategia trading Forex, utile a quelle che sono poi le loro aspettative di guadagno e il loro stile di trading.

La strategia, al pari della scelta di uno dei migliori broker Forex, rappresenta la scelta giusta per iniziare ad operare nel mercato Forex trading online. È uno dei passi fondamentali che ogni trader Forex deve compiere se vuole operare nel mercato del Forex e ottenere profitti costanti.

Prima di passare a trattare l’argomento strategie Forex, elenchiamo qui di seguito l’elenco completo di tutte le migliori strategie per il trading Forex. In ogni articolo spieghiamo nel dettaglio come utilizzare gli indicatori e oscillatori dell’analisi tecnica, così come interpretare i segnali che ci possono dare per fare trading Forex.

INDICE STRATEGIE FOREX

  1. Come utilizzare l’indicatore RSI per fare trading forex: guida all’utilizzo dell’indicatore RSI in contemporanea con le altre strategie di trading Forex.
  2. Come utilizzare l’indicatore MACD per fare trading forex:guida completa all’utilizzo dell’indicatore per riconoscere il trend in corso nel grafico dei prezzi e per individuare l’inversione di trend.
  3. Come utilizzare l’indicatore stocastico per fare trading forex: guida all’utilizzo dell’indicatore stocastico per investimenti di breve e lungo periodo con il Forex, analizzando il prezzo massimo e il prezzo di chiusura dell’asset.
  4. Come utilizzare l’indicatore CCI per fare trading forex: linee guida sull’utilizzo dell’indicatore CCI, consigli pratici ed esempi su come investire sfruttando l’analisi tecnica e le zone di ipercomprato e ipervenduto.
  5. Tecniche di scalping nel Forex trading online: guida completa allo scalping Forex, definizione, tecniche consigli e strategie di trading con Scalping Forex Intraday.
  6. Trading forex con combinazione di Sma ed Ema: guida completa all’utilizzo della combinazione della media mobile esponenziale e della doppia media mobile.
  7. Incrocio oscillatore stocasticio con Ema: guida completa all’individuazione dei segnali di trading affidabili sia sull’andamento del trend sia per definire i punti d’inversione.
  8. Forex Trading Strategia : Impostare RSI e Ema su un grafico a candele: guida all’utilizzo dell combinazione tra l’indicatore RSI e Ema.
  9. Strategia Forex Trading: Combinare medie mobili esponenziali e Parabolic Sar: guida all’utilizzo dell’indicatore parabolic SAR per determinare la direzione del momentum di un asset e il punto in cui questo ha una probabilità più elevata di cambiare direzione.
  10. Come utilizzare EMA, stocastico lento e RSI per fare trading sul forex: guida competa agli indicatori maggiormente utilizzati nell’analisi tecnica Forex con consigli ed errori da evitare.
  11. Fare trading sul forex sfruttando la chiusura dei Gap:consigli su come investire nel mercato Forex quando il mercato è chiuso.
  12. Individuare divergenze su indicatori Stocastico ed RSI: guida completa con esempi pratici di utilizzo contemporaneo di indicatori e divergenze per ottenere profitti nel Forex.
  13. Come combinare MACD e ADX nel Forex: linee guida su come investire nel trading forex sfruttando la combinazione dell’indicatore MACD e ADX.
  14. Supporti e resistenze nel forex: guida competa sul metodo di tracciamento di supporti e resistenze per fare trading Forex.
  15. Fare trading forex con i pivot point: guida completa ai Pivot Point, dalla definizione al loro utilizzo dal calcolo agli esempi pratici su come fare trading con i Pivot Point.
  16. Strategia forex sulle notizie economiche: guida al trading Forex per investire sfruttando la strategia del calendario economico e i vari punti da tenere sempre in mente per anticipare il mercato.
  17. Strategie di copertura Forex: guida con esempi pratici sull’utilizzo degli strumenti per tutelare l’investitore dal rischio di cambio.
  18. Come applicare la teoria di Gann nel forex:introduzione all’applicazione degli elementi di base della teoria degli angoli di Gann e determinazione della loro forza e debolezza.
  19. Strategia onde di Elliott nel forex: guida all’utilizzo della strategia per guadagnare con il Forex sfruttando le 5 onde al rialzo e le 3 onde al ribasso nei mercati che presentano una maggiore liquidità.
  20. Come applicare strategia Fibonacci nel Forex: introduzione ai ritracciamenti di Fibonacci nel Forex, analisi tecnica, disegni ed esempi su come tracciare i livelli.

Strategia Forex trading

Quando si parla di strategie di trading, chiamiamo sempre in causa “lo stile di trading” del trader. Infatti, questo fattore è fondamentale per decidere quale strategia di trading seguire. Ma cosa si intende per stile di trading?

Per stile di trading si intende il tipo di operatività del trader: ovvero, se il trader tende ad aprire più posizioni durante la giornata oppure preferisce aprire solamente posizioni a lungo termine. Lo stile di trading è influenzato da diversi fattori come i seguenti.

  • Disponibilità economica del trader.
  • Tempo disponibile da dedicare al trading Forex.
  • Tempo disponibile per studiare le basi del trading online.
  • Piano di Money Management che si utilizza.
  • Livello di rischio a cui si è pronti ad esporsi.

Basandosi su tutti i fattori esposti qui sopra, è il trader che deve decidere quale stile di trading seguire e quale delle tante strategie Forex. Tra i più comuni stili di trading possiamo ricordare:

  1. Position Trading: possiede un periodo temporale molto lungo, durante il quale le posizioni aperte vengono mantenute per un periodo che varia da un minimo di diverse settimane, fino anche ad arrivare a diversi mesi;
  2. Swing Trading: caratterizzato da un breve periodo, che può variare da diversi giorni a diverse settimane;
  3. Day Trading: anche questo caratterizzato da un breve periodo, che va a concludersi nell’arco della giornata (per tal motivo viene anche chiamato intra-day trading: tutte le posizioni vengono aperte e chiuse nelll’arco della giornata);
  4. Scalp Trading (o scalping), caratterizzato da un brevissimo periodo che varia da pochi secondi a pochi minuti.

Vediamoli meglio nel dettaglio uno ad uno.

Strategia Forex: Position Trading

Lo stile Position Trading va ad abbracciare quello che è un periodo di tempo molto lungo, nel quale le posizioni sono mantenute aperte per un arco di tempo che varia da diverse settimane a diversi mesi.

I trader che utilizzano questo stile, in base a quello che è il loro trading e a quelle che sono le loro migliori strategie, hanno la possibilità di poter usare diversi strumenti per analizzare il mercato, servendosi dei dati che emergono sia settimanalmente che mensilmente.

Questi devono essere consultati prima di prendere qualsiasi tipo di decisione. Dunque, spazio all’identificazione di quei dati a lungo termine, e poca considerazione sulle fluttuazioni a breve periodo.

Coloro che fanno position trading hanno un livello di operatività molto basso: spesso aprono solamente un paio di posizioni a settimane, puntando a sfruttare i forti trend. In poche parole, spendono poco tempo davanti allo schermo del loro computer dopo che hanno aperto le proprie posizioni. Le loro strategie Forex e di trading sono tutte basate sul lungo termine e cercano sempre di seguire (o trovare i punti di inversione) dei trend primari.

Strategia Forex: Swing Trading

Quando parliamo di Swing Trading, ci stiamo riferendo a quelle posizioni che sono mantenute aperte per un periodo che può variare da alcuni giorni a diverse settimane (anche se di rado superano la settimana). Questo facilita la presa di posizione nei movimenti di mercato nel breve periodo, ovvero dei trend secondari.

I trader che seguono questo stile, di solito adoperano l’analisi tecnica e la price action, in modo da poter determinare i giusti momenti per entrare a mercato. Come tutti i trader, puntano anche loro a seguire i trend in corso, e tengono sempre sotto controllo un calendario economico per sfruttare le variazioni di prezzo dovute a dati macro economici o notizie finanziarie.

Chi fa swing trading tende ad avere un livello di operatività nella norma: molte delle operazioni dipendono anche dai dati macro economici, che possono creare rialzi o ribassi nel breve periodo. Perciò vi saranno sicuramente settimane in cui il trader avrà un’operatività maggiore, e altre settimane più “tranquille”.

Strategie Forex: Day Trading

Il Day Trading, come dice la parola stessa, consente di aprire e chiudere le posizioni durante la stessa giornata. Ecco perché viene anche chiamato intra-day trading: le posizioni vengono aperte e chiuse nell’arco di una giornata. Il vantaggio principale del day trading è che non si pagano le commissioni per tenere aperte e proprie posizioni “overnight”, ovvero aperte anche la notte (cosa che chi fa swing trading e position trading deve pagare).

Uno strumento molto interessante ed utilizzato nel day trading è l’analisi tecnica, la quale consente di scovare i punti d’ingresso migliori in quelle che sono le fluttuazioni di prezzo giornaliere.

Essendo queste operazioni giornaliere, che spesso vengono fatte nell’arco di poche ore, non presentano movimenti di grandi capitali e di conseguenza le percentuali dei guadagni non sono sicuramente elevati. I trader che fanno day trading tendono ad avere un livello di operatività tendente all’alto: per loro è normale anche aprire una decina di operazioni al giorno, se non di più (a seconda delle condizioni di mercato).

Ovviamente, anche questa categoria di trader segue assiduamente il calendario economico e deve spendere un bel po’ di ore davanti al computer, pronta a cogliere i segnali del mercato per entrare ed investire.

Scalp Trading o Scalping

Lo Scalp Trading, o anche comunemente detto Scalping, altro non è che una forma molto attiva di trading giornaliero. Lo scalping è caratterizzato per l’apertura di moltissime posizioni intra-day, tutte di durata di pochi minuti, se non addirittura secondi!

Basti pensare che vi sono trader che fanno scalping e riescono ad aprire anche un centinaio di posizioni al giorno! È scontato dire che chi fa scalping nel Forex, deve per forza di cose stare sempre di fronte ad un computer per non perdersi una singola variazione dei mercati. È un tipo di trading che può anche diventare stressante, dato che si è sempre sotto costante pressione e bisogna prendere decisioni nell’arco di pochi secondi.

Chi fa scalping infatti punta sulla quantità e non sulla qualità: gli scalper (cosi vengono chiamati i trader che fanno scalping) puntano a guadagnare piccole quantità con ogni operazione, per puntare a raggiungere una somma importante a fine giornata.

Chi fa scalping deve sempre avere un calendario economico sotto controllo, per sfruttare tutte le opportunità di investimento possibili.

Forex strategico: consigli per scegliere le migliori strategie vincenti

Una volta che abbiamo delineato quelli che sono i diversi stili di trading, andiamo a vedere quelle che sono le migliori strategie di trading online nel mercato Forex e come adottarle.

La prima strategia di trading Forex che analizzeremo riguarda proprio le opzioni di copertura sul mercato Forex.

Le opzioni di copertura vengono viste come degli strumenti molto utili a tutelare l’investitore dal rischio di cambio. Ancora queste anche se utilizzate per perseguire obiettivi di protezione dal rischio, il più delle volte vengono adottate per condurre strategie aggressive, in modo poi da far ottenere un ritorno economico al trader nel breve termine.

Coprirsi dal rischio di cambio nel trading Forex tramite le opzioni

Spesso i trader che operano nel mercato Forex, fanno anche uso delle opzioni. Specifichiamo che qui con il termine opzioni intendiamo proprie le opzioni “classiche” e non le opzioni binarie. Esistono due tipi di opzioni che i trader possono comprare:

Per prima cosa, spieghiamo come funzionano entrambi i tipi di opzione. Specifichiamo che il mercato delle opzioni è differente da quello del Forex: se volete anche operare con le opzioni, dovrete molto probabilmente affidarvi ad un altro broker oltre al broker Forex con cui opererete nel mercato Forex.

Per chi non sapesse cosa siano le Opzioni Call: questo tipo di opzioni ci garantisce il diritto, ma non l’obbligo, di comprare una certa quantità di un asset (da noi scelto durante l’acquisto delle Opzioni Call; nel caso del Forex quindi si parla di coppie di valute) ad un certo prezzo fissato (chiamato Strike Price), entro una certa data di scadenza. Chi compra Opzioni Call, di solito ha previsioni rialziste sull’andamento di un’azione; viceversa, chi le vende ha previsioni ribassiste o neutre.

Per chi non sapesse cosa siano le Opzioni Put: questo tipo di opzioni ci garantisce il diritto, ma non l’obbligo, di vendere una certa quantità di asset (da noi scelto durante l’acquisto delle Opzioni Put; nel caso del Forex quindi si parla di coppie di valute) ad un certo prezzo fissato (chiamato Strike Price), entro una certa data di scadenza. Chi compra Opzioni Put, di solito ha previsioni ribassiste sull’andamento di un’azione; viceversa, chi le vende ha previsioni rialziste o neutre.

Quando si comprano delle Opzioni Call e Opzioni Put, bisogna pagare un determinato “Premio” (una quantità di denaro fissa) al venditore: questi soldi rimarranno al venditore dell’Opzione, indipendentemente dal fatto che poi noi (compratori) esercitiamo il diritto di comprare la quantità di asset scelta o meno.

In pratica, tramite le Opzioni Call e le Opzioni Put possiamo coprire le posizioni che andremo ad aprire nel mercato Forex:

  • Tramite le opzioni put, copriamo le posizioni “long” (ovvero le posizioni aperte puntando ad un rialzo del valore della coppia di valute)
  • Tramite le opzioni call, copriamo le posizioni “short” (ovvero le posizioni aperte puntando ad un ribasso del valore della coppia i valute)

Ovviamente, non dobbiamo sempre coprire le nostre posizioni: coprire le proprie posizioni (che in inglese si dice “hedging”) ha un costo. Perciò, se si decide di coprire una propria posizione, i profitti (in caso che tutto vada come previsto) risulteranno inferiori. Di solito chi fa “hedging” e quindi tende a coprire le proprie posizioni, è proprio chi fa position trading, ovvero chi tiene aperte le proprie posizioni per un lungo periodo.

Strategie Forex: diversificazione del portafoglio

La diversificazione del portafoglio nel trading Forex, è vista come una delle migliori strategie e deve essere la prima cosa che un trader deve attuare quando va ad investire nel trading online. Chi muove i primi passi nel mercato Forex deve conoscere bene questo per evitare di incorrere in pericoli che sono sempre dietro l’angolo.

Infatti, avere un portafoglio diversificato, consente di mettere insieme una varietà di asset, tali da ridurre al minimo l’esposizione al rischio.

Ma in cosa consiste la diversificazione del portafoglio? Significa investire su diverse coppie di valute, per mitigare così il rischio di una potenziale perdita relativo ad un’operazione.

Il trading Forex avviene sempre con coppie di valute, perché quando si apre una posizione si acquista una valuta e si vende un’altra valuta (o viceversa: si vende una valuta e si ne acquista un’altra). Perciò quando sentite il termine “fare trading con l’EUR/USD”, significa che i trader comprano una delle due valute (EUR o USD) e vendono l’altra (oppure viceversa).

Se voglio aprire una posizione long con l’EUR/USD (perché penso che vi sarà un rialzo nel tasso di cambio di questa coppia), significa che andrò a comprare l’Euro mentre contemporaneamente venderò la stessa quantità (rapportata al valore corrente del cambio) di Dollari Americani.

Qui di seguito possiamo vedere la tabella con le 18 coppie di valute più scambiate nel mercato Forex (prima vi abbiamo mostrato le valute più utilizzate; ma come vi abbiamo spiegato, le operazioni nel Forex avvengono sempre utilizzando contemporaneamente due valute, quindi una coppia di valute):

Infatti, ogni coppia di valute ha un tasso di domanda/offerta che viene chiamato anche “Bid/Ask rate”; si tratta del valore a cui si può comprare e il valore a cui si può vendere tale coppia di valute in un determinato momento.

Coppia di Valute Bid (Offerta) Ask (Domanda)
EUR/USD 1.11 1.1168 1.1167
  • Il prezzo “Bid” rappresenta il prezzo massimo che i compratori di una determinata coppia di valute vogliono pagare per acquistarla.
  • Il prezzo “Ask” rappresenta il prezzo minimo con cui i venditori di una determinata coppia di valute vogliono essere pagati per venderla

Ciò significa che:

  • Un trader può comprare 1EUR e vendere $1.1167 (al prezzo della domanda)
  • Un trader può vendere 1EUR e comprare $1.1168 (al prezzo dell’offerta)

La differenza (chiamata spread) tra il tasso di offerta (bid) e il tasso di domanda (ask) indica il livello di liquidità della coppia di valute che si sta scambiando. Di solito, più piccolo è lo spread, migliore è la liquidità (ovvero maggiori sono il numero di transazioni in corso).

Stop Loss & Take Profit nel mercato Forex

In questo paragrafo, andremo a spiegare nel dettaglio cosa sono gli stop loss e i take profit. Se avete letto fin qua, avete sicuramente notato che più volte menzioniamo l’importanza di questi due termini. E a buon ragione.

Lo Stop Loss (abbreviato in SL) e il Take Profit (abbreviato in TP), sono due livelli di prezzo che possono essere impostati per ogni vostra operazione (che sia long o short) nel mercato del Forex. Sia lo stop loss che il take profit, sono strumenti utilissimi per riuscire a controllare il rischio nel trading Forex e riuscire a limitare le perdite.

Iniziamo proprio con lo spiegare che cosa sia uno stop loss. Chi mastica un po’ l’inglese, probabilmente, ha già capito a cosa serve: lo stop loss viene utilizzato dai trader per far chiudere in automatico la propria posizione, in caso che si trovi in perdita. Il trader può scegliere il livello di prezzo a cui impostarlo: se tale livello viene raggiunto durante le varie oscillazioni del prezzo della coppia di valute che avete comprato (o venduto), allora la vostra posizione verrà chiusa in automatico dal broker.

Ciò significa che non dovrete chiudere manualmente l’operazione: appena il livello viene toccato, ci penserà il broker stesso a farlo per voi. Lo stop loss viene piazzato nella direzione opposta a quella in cui si investe:

  • Se apro una posizione long (rialzista), allora lo Stop Loss lo posizionerò al di sotto dell’attuale valore della coppia di valute.
  • Se apro una posizione short (ribassista), allora lo Stop Loss lo posizionerò al di sopra dell’attuale valore della coppia di valute

Chiarifichiamo ulteriormente il tutto con un banale esempio. Se il cambio EUR/USD viene scambiato al valore di 1.1167, e apriamo una posizione rialzista, il nostro stop loss possiamo (per esempio) posizionarlo al valore di 1.1127. Perciò, se tutto va come abbiamo previsto, il prezzo non toccherà mai lo stop loss, anzi, aumenterà.

Se invece la nostra previsione era sbagliata, ed il prezzo incomincia a scendere, appena verrà raggiunto il livello di 1.1127, la nostra posizione verrà chiusa. Certo, subiremo una perdita: ma controlleremo e limiteremo tale perdita. Se non avessimo avuto lo Stop Loss, la nostra posizione sarebbe rimasta aperta: ciò significa che se il prezzo continua a scendere, la nostra perdita continua a diventare sempre più grande.

Ecco spiegata l’importanza dello Stop Loss: ci permette di sapere in anticipo quanto possiamo perdere (al massimo) dalla nostra operazione. Ovviamente, nessuno vi vieta di chiudere la posizione prima che tocchi lo stop loss: se vedete di essere in perdita, e che quindi la vostra previsione era sbagliata, potete tranquillamente chiudere in anticipo e subire una perdita ancora minore rispetto a quella che avreste ottenuto al livello dello stop loss.

Se lo stop loss vi protegge dalle perdite, il take profit invece vi assicura i guadagni. Il take profit è un livello impostato sempre dal trader, che se raggiunto, fa chiudere in automatico la posizione (stavolta in profitto). Infatti, il take profit equivale al potenziale guadagno che volete ottenere dalla vostra operazione.

Fissato il take profit, se viene raggiunto, ci penserà il broker a chiudere la vostra operazione in guadagno. Qualcuno qui potrebbe dire: ma perché devo limitare i miei profitti? Rispondiamo con un esempio.

Abbiamo sempre il nostro solito EUR/USD, a valore attuale pari a 1.1167. Come prima, apriamo una posizione long, perché riteniamo che vi sarà un rialzo in giornata. Decidiamo di impostare lo stop loss, ma non il take profit. Tutto va secondo i piani: passano alcune ore, e il cambio EUR/USD raggiunge quota 1.1215. Se chiudessimo adesso l’operazione, ci porteremo a casa un guadagno (se avessimo investito €100 con leva 1:100, si parlerebbe di €148). Ma decidiamo di non chiudere, perché vogliamo puntare a guadagnare ancora di più.

Il prezzo continua a salire, anche se a fatica: raggiunge quota 1.1232, se chiudessimo adesso avremmo un profitto pari a €165. Ma perché fermarsi proprio ora? Lasciamo aperta la posizione, e le cose incominciano a girare contro di noi: il prezzo incomincia a scendere, e tocca quota 1.1203; se chiudiamo adesso otterremmo un profitto di €136. Che fare? Chiudere o aspettare di tornare almeno intorno ai cinquanta euro di profitto che inizialmente avevamo rifiutato?

Dubbi. Domande. Come potete vedere, il non aver impostato un livello di take profit ci ha confuso le idee. Tutto perché sono entrate in gioco le nostre emozioni, come l’avidità. Il profitto iniziale di +€48 euro non era niente male. Per non parlare del successivo, ancora migliore. E invece ora ci ritroviamo con solo +€36 di profitto. Spesso la situazione diventa ancora più drastica, e alcuni trader, passano dall’avere un guadagno, al subire una perdita.

Non è solo importante fissare un livello di stop loss: dovete anche pensare ad un livello di take profit. Inoltre, entrambi i livelli sono molto utili in caso che non possiate passare tutto il tempo davanti ad un grafico: se fissate tali livelli, ci penserà il broker a chiudere la vostra posizione, evitando di farvi ritrovare delle brutte soprese quando magari tornate a casa e accedete di nuovo al vostro account di trading.

Definire gli obiettivi da raggiungere

Un altra tecnica molto utile, anche sulla base di quella che è stata la nostra strategia, è quella di capire bene quali sono gli obiettivi che vogliamo raggiungere. Evitate di crearvi falsi obiettivi, come “diventare ricchi” in un paio di mesi: chi ha una mentalità del genere non è il tipo di persona che può fare trading Forex.

Anzi, specifichiamo dicendo che chi vuole tutto e subito, farebbe meglio a tenersi alla larga dal trading Forex. Infatti, il trading Forex richiede molta pazienza e tempo, specialmente per imparare i fondamenti del trading online e anche per operare nel mercato del Forex.

Diffidate da tutti coloro che vi assicurano che “ci vogliono solamente 5 minuti al giorno” per fare trading Forex e assicurarsi dei profitti mensili. Fare trading Forex richiede tempo, come minimo un paio di ore ogni giornata (se si vuole operare con cadenza giornaliera).

Ed inoltre niente o nessuno può “assicurarvi” che farete dei profitti con il trading Forex: dipende tutto da voi e dalla vostra conoscenza della materia. Più tempo passerete a studiare il trading online e fare pratica (magari con un account demo), maggiori chance di guadagnare avrete.

Scegliere sempre il broker giusto

Altro passo importante da compiere, prima di lanciarsi nel Forex trading online, è quello di scegliere la piattaforma trading più adatta alle vostre esigenze.

Il broker, quindi, diventa una scelta importante da compiere, nel momento in cui si decide di investire dei capitali sul mercato Forex. Il broker infatti è l’intermediario tra voi ed il mercato del Forex: si occupa di gestire i vostri ordini. Per aprire un account di trading presso un broker Forex spesso serve una cifra anche molto piccola, come a partire da €200: ma tale cifra varia a seconda del broker Forex che sceglierete.

Valutate bene le differenze sostanziali che si possono trovare tra le varie offerte dei broker Forex che ci sono sul mercato. Attenzione però a scegliere sempre e solo Broker regolamentati, che vi offrono la possibilità di provare le varie piattaforme, usufruendo anche del conto demo (utilissimi per i trader inesperti).

Prova le strategie sui migliori Broker Forex

Un conto demo altro non è ché un valido supporto per operare nel Trading Forex, in modo da provare praticamente quanto il broker offre con la sua piattaforma, testarla e fare esperienza di trading online.

Il conto demo, simile in tutto è per tutto alla piattaforma utilizzata dai trader, è una soluzione ideale per provare quelle che sono le attività di compravendita sulle valute, ovviamente utilizzando solo denaro virtuale e non reale.

Inoltre i diversi broker che qui ti andremo a proporre, offrono oltre ai vantaggi elencati, la possibilità di usufruire del conto demo gratuito.

Broker Forex eToro

Il broker eToro, è uno dei migliori broker al moneto presenti sul mercato.

Esso è regolamentato CySEC e quindi autorizzato ad operare in Europa ed in Italia.

Tra le caratteristiche principali di questo broker, abbiamo il Copy Trader e il Social trading che permettono al trader di tratte profitto semplicemente copiando gli altri trader.

A questo si aggiungono anche la possibilità di aprire un conto gratis con un deposito minimo di 200$ che puoi utilizzare per investire sulle coppie di valute, sugli ETF, sulle materie prime. sulle azioni, sugli indici e sulle criptovalute.

Il conto demo è anch’esso gratis e non serve nessun deposito! Cosa aspetti?

eToro.com

Apri un conto demo gratuito sul broker eToro e prova a guadagnare con il trading Forex grazie al social trading e al copy trading!

Per maggiori informazioni sul broker eToro clicca qui >>

Broker Forex IG

IG è un broker ideale per tutti i trader che amano fare trading online sul mercato Forex a prescindere che si tratta di trader principianti o di trader esperti. Esso è ideale per tutti i trader di origini italiane, visto e considerato che che è uno dei più noti e professionali al momento presenti.

IG lo possiamo quindi definire come un broker Forex & CFD leader del settore, con la possibilità di scegliere di fare trading attraverso differenti piattaforme:

  • piattaforma IG;
  • piattaforma Metatrader 4 (di cui dispongono tantissimi broker Forex regolamentati).

Il broker IG è inoltre un broker non solo regolamentato ma anche sicuro visto e considerato che utilizza un sistema criptato 256-bit SSL (Secure Sockets Layer), che oggi rappresenta lo standard per le transazione finanziarie online.

Precisiamo poi che in termini di sicurezza, il broker è regolamentato e autorizzato non solo dalla CONSOB ma anche dalla FCA (Financial Conduct Authority). Quindi garantisce sicurezza ed affidabilità di trading.

Infine è possibile utilizzare il broker non solo con un conto reale, ma anche con un conto demo gratuito.

Con IG è possibile operare sui seguenti mercati:

Clicca qui per leggere la recensione completa del broker Forex IG>>

Apri un conto Demo IG

Prova il trading forex & CFD con un conto demo gratuito o un conto reale senza deposito! Scopri come fare trading sui diversi asset con la piattaforma di trading IG!

In conclusione teniamo a precisare, che nonostante le tecniche sopra elencate come le migliori strategie di trading online, queste possono portare profitto, solo se utilizzate con razionalità e buon senso.

È molto importante che tu valuti bene il capitale che potrai mettere a disposizione e la percentuale che sei disposto a perdere.

Strategie di trading con le valute forex

Questo articolo è dedicato alle migliori strategie per fare trading di valute forex. Prima di cominciare è opportuno puntualizzare che per avere successo con il trading di valuta è indispensabile utilizzare piattaforme di trading forex sicure, affidabili e oneste.

Tra le migliori segnaliamo Plus500 (clicca qui per il sito) e eToro (clicca qui per il sito). Si tratta di due piattaforme di trading estremamente affidabili, convenienti e sicure. eToro è una piattaforma forex molto particolare perché garantisce la possibilità di copiare, in modo completamente automatico, le operazioni fatte dai trader migliori. La piattaforma di social trading di eToro è completamente gratuita.

Il 66% dei trader retail perde soldi con questo fornitore quando fa trading di CFD. Dovresti considerare se puoi affrontare questo rischio elevato.

Migliori Piattaforme per operare con strategie di Trading

Ecco tutte le piattaforme professionali attraverso le quali operare con le migliori strategie redditizie. Il tutto, partendo da un conto Demo e senza nessuna commissione fissa.

Broker Caratteristiche Vantaggi Recensione Iscriviti
Intuitivo Social e copy trading Recensione Iscriviti
66% degli account CFD retail perde soldi
Miglior BROKER Corso gratis Recensione Iscriviti
86,24% degli account CFD retail perde soldi
Conto demo gratuito servizio CFD Recensione Iscriviti
Broker con zero spread Deposito minimo 5€ Recensione Iscriviti
Conto demo gratuito No minimo deposito Recensione Iscriviti

Forex: Introduzione generale

Sul forex operano un gran numero di soggetti diversi:

  • Istituti di emissione
  • Hedge funds speculativi
  • Banche commerciali
  • Trader privati

Ciascuno di essi opera con intenti diversi: le banche centrali per regolare e stabilizzare il mercato, effettuare iniezioni di liquidità e provare a guida i cambi; le banche commerciali per regolare i pagamenti in valuta estera dei propri clienti che effettuano import / export. Trader e hedge fund speculativi per cercare di guadagnare sfruttando le oscillazioni del mercato.

Ovviamente questo portale è rivolto esclusivamente ai trader professionali o principianti che sia e quindi in questa sezione illustreremo alcune strategie per guadagnare sul mercato forex dedicate ai trader.

Premessa fondamentale

Prima di proseguire è opportuno ribadire che il mercato forex è un mercato ad altissimo rischio: di fatto operare nel forex significa avere un’alta possibilità di guadagnare dei soldi con il trading ma, allo stesso tempo, esiste un rischio concreto di perdere soldi. Questo non lo diciamo per spaventare ma per far sì che l’investimento nel mercato forex sia un investimento consapevole e ponderato.

Soprattutto lo diciamo perché è importante non rischiare con il trading forex capitale che sia fondamentale per la vita di tutti i giorni: in pratica non fate trading con il denaro che non potreste permettervi di perdere.

Stretegie Forex: Concetti chiave

Di seguito illustriamo alcuni concetti basilari che è necessario conoscere prima di operare sul Forex.

Effetto leva

Qualunque sia la strategia di trading che intendete applicare, ricordate che per guadagnare molto nel forex è necessario lavorare con l’effetto leva. L’effetto leva, in pratica, vi consente di moltiplicare i vostri profitti nel caso in cui il trading ha esito positivo. E’ altresì fondamentale ricordare che anche l’ammontare delle perdite aumenta se si applica l’effetto leva e non si riesce a predire correttamente l’andamento del mercato.

Analisi grafica

Alla base di molte strategie di trading vi è la cosiddetta analisi grafica. Di cosa si tratta? Si tratta di un insieme di metodologie che tentano (e di solito ci riescono) di prevedere l’andamento del mercato dall’osservazione del grafico delle quotazioni per un periodo anteriore.

La premesse teorica alla base di questi strumenti è l’assunto che i mercati seguono un numero finito di schemi predefiniti che consentono, dunque, di effettuare predizioni accurate sulle quotazioni future. E’ inutile aggiungere che si tratta di metodi altamente probabilistici, ciò significa che malgrado siano piuttosto affidabili non si ha mai la certezza assoluta che le predizioni effettuate si avverino davvero (alcune volte le previsioni si avverano, ma non nei tempi previsti e questo può comunque portare a dei problemi).

Correlazione con altri mercati

Un metodo tipicamente utilizzato dai grandi investitori e facilmente implementabile anche dai singoli trader che operano mediante un forex broker direttamente da casa si basa sull’osservazione che i mercati finanziari non sono a tenuta stagna ma sono strettamente correlati tra di loro.

Per comprendere bene questa osservazione è opportuno fare un esempio concreto: è stato osservato e confermato che il cambio Dollaro / Yen e il mercato dei titoli di stato giapponesi sono strettamente correlati. In particolare, osservando con attenzione il mercato dei titoli di stato giapponesi a 2 anni è possibile prevedere con un’ottima approssimazione l’andamento del cambio euro dollaro. Analogamente, è stato osservato che è possibile prevedere l’andamento del dollaro australiano a partire dall’andamento delle quotazioni del petrolio.

Di fatto queste strategie sono alla portata anche dei trader non professionisti, visto che si tratta comunque di dati di dominio pubblico. Anzi, molti forex broker mettono a disposizione in modo totalmente gratuito un flusso continuo di notizie che ciascun trader può utilizzare per ottimizzare le proprie strategie di guadagno sul forex.

Strategie Forex: Ecco le più utilizzate

Ora che abbiamo ben chiari i concetti teorici, passiamo ad analizzare quelle che sono le strategie operative più utilizzate nel trading Forex.

Indicatore RSI

Uno degli indicatori più semplici da utilizzare prende il nome di RSI, ovvero Relative Strenght Index. La sua funzionalità consiste nel fornire indicazioni sul gradi di saturazione del mercato. Nello specifico, quando ci sono troppi compratori o quando ci sono troppi venditori.

La sua lettura è molto facile, dal momento che presenta di suo un grafico da 0 a 100. Ecco come va interpretato:

  • Da 70 a 100: Ipercomprato. Sono troppe le posizioni Long sul mercato, ci si aspetta quindi un ribasso.
  • Da 0 a 30: Ipervenduto. In questo caso le posizioni Short sono troppe ed il mercato, con buona probabilità, tenderà piuttosto a risalire.

Valori compresi da 30 a 70 offrono pochi spunti operativi.

Indicatore MACD

Altro indicatore molto utilizzato è il MACD. Il suo acronimo è Moving Average Convergence Divergence e si basa sulla convergenza (o divergenza) di tre medie mobili con differenti parametri temporali.

A livello generale, quando una media mobile veloce incrocia una media mobile lenta (con più periodi) offre uno spunto per operare. Ebbene, questo concetto teorico è stato ripreso dal MACD e sarà possibile vederlo graficamente su ogni Metatrader, dove questo indicatore è installato di Default.

Sono tanti i Trader che operano con il MACD per via della sua semplicità di utilizzo e per le indicazioni, spesso accurate, che offre.

Pivot Point

I cosiddetti Pivot Point sono dei punti particolari nel grafico, dove il prezzo ha subito uno Stop oppure ha preso slancio.

Per comprendere meglio i Pivot Point occorre far riferimento al concetto di supporto e resistenza. Nel grafico sono presenti livelli di “congestione”, i quali se formano una base per interrompere la discesa del prezzo vengono definiti –supporto-. Al contrario, se un livello di prezzo rappresenta una barriera che non permette alla quotazione di salire, allora parleremo di –resistenza-

Identificare questi punti nel modo corretto è fondamentale, in quanto i segnali operativi che ne derivano sono estremamente accurati.

Broker per testare le strategie Forex su Demo

Per mettersi subito all’opera e testare al meglio le strategie indicate, è opportuno richiedere un conto Demo gratuito ed operare con capitale virtuale. Per farlo, offriamo due soluzioni interessanti per iniziare.

eToro

Tutte queste strategie possono essere testate su eToro, un Broker che dispone di una piattaforma proprietaria intuitiva e di facile utilizzo. Allo stesso tempo, sono presenti tutti i principali indicatori per operare nel modo più professionale possibile.

Tutti gli Asset presenti su eToro potranno essere negoziati con i contratti CFD gratuiti. Sarà quindi possibile speculare sul Forex senza costi fissi.

Inoltre, gli spread applicati da eToro sono particolarmente bassi, il che rende ancora più profittevole l’operativa su questa piattaforma. Per iniziare è possibile richiedere un conto Demo che permette di testare le strategie Forex con capitale virtuale fino a $50.000.

Per richiederlo, ecco il Link diretto:

Investous

Il Broker Investous dispone del notevole vantaggio di disporre della Metatrader 4, una piattaforma molto utilizzata in tutto il mondo per via della sua professionalità e semplicità d’utilizzo.

Operare con la MT4 significa investire senza requotes e con tutti gli strumenti operativi già presenti nel suo database. Inoltre, sarà anche possibile fare richiesta per dei segnali di trading, ovvero indicazioni in tempo reale su dove entrare a mercato. Questi segnali sono elaborati da professionisti e ci aiuteranno, senza dubbio, ad ottimizzare la nostra operatività.

Anche Investous dispone di un conto Demo che può essere richiesto senza nessun costo, basterà solo completare la registrazione gratuita.

Conclusioni

Conoscere a fondo le migliori strategie di Trading è un aspetto fondamentale per operare con successo sui mercati finanziari. Seguire un metodo, una strategia ben definita, è un aspetto che alla lunga paga.

In questa guida abbiamo descritto le strategie Forex più utilizzate dai trader, oltre a fornire indicazioni su quali piattaforme scegliere per operare.

Infine, il nostro suggerimento è quello di testare ogni strategia su conto demo (è gratuito!) e solo quando sarà profittevole investire con denaro reale. Per iniziare abbiamo fornito i Link per la registrazione gratuita dei migliori Broker in Italia:

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Come iniziare a fare trading di opzioni binarie
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: