Cina via alla liberta nei tassi delle banche

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Tag: cina

Cina: cresce il PMI ma chiudono le fabbriche

La Cina è così grande che è facile trovarsi davanti a scenari contraddittori, dove alla ripresa della crescita fa da contraltare la chiusura di moltissime fabbriche. Insomma, la crescita c’è…

di Luigi Boggi – 29 Agosto 2020

Cina: via alla libertà nei tassi delle banche

Lo statalismo cinese è duro a morire ma ci sono delle piccole novità nel mondo finanziario che iniziano a minarne le basi, per esempio la liberalizzazione delle banche che punta…

di Luigi Boggi – 29 Luglio 2020

Borsa: da Pechino arriva la spinta ai mercati

I movimenti delle borse sono emblematici, riflettono in maniera speculare l’andamento delle politiche finanziarie dei vari paesi. In questo momento a fare il bello e il cattivo tempo c’è la…

di Luigi Boggi – 23 Luglio 2020

Cina: confermato il rallentamento dell’economia

Il rallentamento dell’economia cinese, ormai, è qualcosa di assodato ma le continue conferme che arrivano dai report elaborati nel paese non fanno che scoraggiare gli investitori. Ecco gli ultimi dati…

di Luigi Boggi – 16 Luglio 2020

Immobiliare: la ripresa parte da Shanghai

Adesso c’è da scommettere che il nostro settore immobiliare ripartirà al più presto. Una recente indagine di un’associazione di categoria, infatti, spiega che ci sono molti investitori cinesi pronti ad…

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

di Luigi Boggi – 21 Giugno 2020

Cina: la zavorra sui mercati UE

La Cina ha zavorrato i mercati occidentali, ha condizionato le quotazioni sulle principali piazze, eccetto quella giapponese. Ecco cosa è successo sui listini internazionali.

di Luigi Boggi – 11 Giugno 2020

FMI: tagliate anche le stime cinesi

L’economia cinese è cruciale per lo sviluppo dell’economia globale per questo quando si diffonde la voce che quella porzione di Asia è in difficoltà, le ripercussioni sul mercato sono incredibili….

di Luigi Boggi – 21 Maggio 2020

Europa: più dazi contro i pannelli solari

Il settore dei pannelli solari è in continua espansione dopo che la crisi energetica globale ha dimostrato che non si può più fare affidamento sui vecchi sistemi di approvvigionamento energetico….

di Luigi Boggi – 9 Maggio 2020

Forex: l’Australia investe in Cina

L’Australia è sicuramente un paese da tenere d’occhio in primo luogo perché non ha subito la crisi come gli altri e poi perché in questo periodo si sta muovendo su…

di Luigi Boggi – 26 Aprile 2020

Paesi emergenti, più guadagni e più rischi

In questi ultimi mesi ci sono stati degli eventi che hanno condizionato molto le borse e che in parte hanno illustrato i rischi del mercato e il trend degli investimenti….

di Luigi Boggi – 22 Gennaio 2020

Opzioni binarie 60 secondi: cosa sapere

di Valentina Cervelli

Opzioni binarie vietate: tiriamo le somme

di Valentina Cervelli

Opzioni binarie, gli indicatori più importanti per principianti

di Valentina Cervelli

Trading: 24Option sospesa da Consob in Italia

di Valentina Cervelli

Opzioni binarie, Bande di Bollinger e Oscillatore RSI

di Valentina Cervelli

OpzioniBinarieLive is part of the network IsayBlog! whose license is owned by Nectivity Ltd.

Managing Editor: Alex Zarfati

OpzioniBinarieLive è un sito esclusivamente divulgativo e non può essere ritenuto responsabile degli investimenti effettuati dagli utenti.

Cina: via alla liberta nei tassi delle banche

In generale le banche commerciali operano sotto il concetto di trasformazione delle scadenze: incamerano veicoli di finanziamento a breve termine (meno di un anno), come i depositi dei clienti, e li usano per finanziare rendimenti a lungo termine (più di un anno). Questi rendimenti spaziano dai semplici prestiti, come quelli per auto ed i mutui, agli investimenti in azioni, obbligazioni e debito pubblico. Le banche fanno soldi sul differenziale di interessi tra ciò che pagano ai proprietari dei soldi e ciò che è guadagnato dalle operazioni. Le banche guadagnano anche su altri servizi, come la gestione patrimoniale e le commissioni contabili, sebbene siano attività relativamente piccole rispetto al business della trasformazione delle scadenze.

In termini di asset, quello principale detenuto da una banca è il deposito a vista. In sostanza sono i vostri risparmi nei conti correnti. Le banche vendono anche depositi all’ingrosso, come i certificati di deposito, hanno il capitale azionario e possono anche contrarre debiti, come i prestiti interbancari. Poiché questi asset sono di proprietà di qualcun altro, ciascuno di essi richiede un rendimento per il loro uso e fanno parte dei costi di gestione di una banca. Ci sono anche costi operativi fissi, come dipendenti, edifici e attrezzature.

Quindi una banca prenderà risorse e le trasformerà in prestiti. Come nella maggior parte del mondo, gli Stati Uniti operano in un sistema a riserva frazionaria, in cui le banche originano prestiti in eccesso rispetto ai depositi a disposizione. Date un’occhiata al bilancio di una grande banca regionale, 5/3 Bank, per esempio. Nell’anno fiscale 2020, 5/3 ha fatto registrare attività non capitalistiche pari a $94 miliardi e una base di depositi di $108 miliardi. Tuttavia la componente in denaro contante ed equivalenti era pari a $4,4 miliardi, o solo il 4% dei depositi a vista. È fondamentale, quindi, che la banca convinca i depositanti a mantenere i loro depositi presso di essa ed a non prelevarli. In caso contrario collasserebbe, poiché non sarebbe in grado di soddisfare rapidamente a richieste di prelievo superiori al 4% della base di depositi. Per evitarlo, la banca paga interessi ai depositanti.

Come avviene il crollo

È qui che la stabilità degli interessi diventa un problema. Quando la Federal Reserve manipola i tassi d’interesse, le banche commerciali sono in grado di proiettare spese abbastanza costanti per le operazioni. Mentre ad un’azienda piace quando i costi operativi sono relativamente costanti, questo crea grossi problemi per il sistema bancario. Quando i tassi d’interesse vengono soppressi a quasi lo 0% diciamo per un decennio, il sistema bancario crea un portafoglio di entrate che è ancorato a quello vicino allo 0% del costo del denaro. Tornando al bilancio della 5/3, notiamo che i rendimenti della banca erano di $5,1 miliardi, ovvero un rendimento medio del 5% circa. $4 miliardi di questi rendimenti sono legati ai $94 miliardi di prestiti a lungo termine. Le spese per gli interessi ammontavano a $1 miliardo, o poco più dell’1%. La società aveva anche $3,9 miliardi in spese operative fisse.

Fondamentalmente la 5/3 Bank opera su margini di profitto piuttosto bassi rispetto alla base patrimoniale della banca, il che la rende altamente vulnerabile a qualsiasi fluttuazione dei tassi d’interesse.

Diciamo che la Federal Reserve inizi a rialzare il tasso d’interesse di riferimento. Poiché la FED riduce la concorrenza sul mercato e vende asset, i tassi d’interesse saliranno man mano che questi asset inizieranno a competere con quelli esistenti. 5/3 si imbatte in un problema: se il tasso privo di rischio inizia a salire, i depositanti guarderanno a quel misero rendimento sui depositi e cominceranno a chiedersi perché mantenere soldi in banca quando altri veicoli a basso rischio offrono rendimenti più alti. Dal momento che 5/3 non può permettersi di perdere molto denaro, alla banca verrà richiesto di iniziare ad aumentare i tassi di deposito, poiché vuole che i soldi rimangano in banca. Dovrà inoltre rifinanziare il debito revolving a breve termine ad un tasso più elevato.

Il dilemma della banca è che quasi tutto il suo flusso di entrate è costituito da veicoli a rendimento fisso. Lo spread effettivo tra costi totali e ricavi totali è solo dello 0,2% degli asset. Ciò significa che se i costi di finanziamento dovessero aumentare di oltre 20 punti base, la banca 5/3 inizierebbe a subire perdite. Poiché la banca ha concesso prestiti per oltre un decennio tenendo conto dei tassi estremamente bassi, ci vorrà del tempo per ricostruire un portafoglio di prestiti e investimenti a tasso più elevato per controbilanciare le perdite, o in alternativa la banca sarà costretta ad impegnarsi in investimenti ad alto rischio.

Per un’azienda normale questo non sarebbe un grosso problema, visto che può sopportare perdite per periodi di tempo anche lunghi. Infatti tende a costruire una base di liquidità per superare periodi deboli mentre riorganizza le sue operazioni. Una banca, tuttavia, manca di questa flessibilità in quanto deve mantenere i rapporti di liquidità per facilitare i prelievi dei depositanti. Un misero aumento dell’1% dei costi complessivi di finanziamento vedrà la 5/3 esaurire la liquidità in soli quattro anni, ma dal momento che la banca deve mantenere i rapporti, ciò la spingerà a vendere asset per concedere ulteriori prestiti.

Il problema si raddoppia da questo punto in poi: in primo luogo, gli asset primari generano reddito, quindi per ogni asset venduto per tenere a galla i rapporti di liquidità ciò non farà altro che esaurire di più la liquidità e ogni nuovo debito avrà spese per interessi da soddisfare; in secondo luogo, gli asset hanno tassi inferiori al tasso di mercato, quindi devono essere venduti ad uno sconto.

Ogni banca opera in questo modo. Ogni banca opera su margini sottili che presumono tassi quasi a zero perpetui. Se una banca deve vendere asset per mantenere intatti i rapporti di liquidità, tutte le banche faranno inevitabilmente la stessa cosa. L’elemento principale in un portafoglio è solitamente quello che tenta la liquidazione (nel 2007 i mutui per immobili). La vendita di asset è un processo che si auto-alimenta e crea un crollo, poiché non ci sono molte entità con denaro disponibile per assorbire questa vendita di massa. Ecco perché oggi la seconda classe di asset in pancia alla Federal Reserve è costituita da titoli ipotecari non performanti pre-2008 (i titolari di MBS, le banche stesse, erano finite in un vicolo cieco). Le banche si rivolsero all’ultima entità con denaro disponibile (quella che lo stampa) per un salvataggio.

Le banche centrali risponderanno inevitabilmente cercando di stabilizzare nuovamente i tassi, sopprimendoli al di sotto del livello del ciclo precedente. Le banche centrali, quindi, abbasseranno perpetuamente i tassi fino a quando non arriveranno alla barriera dello 0%, impegnandosi in una politica monetaria ben oltre la follia. Il Canada sin dal 1980 è un perfetto esempio, un ottovolante sempre in discesa.

Come evitare tutto questo

Se le banche non operassero in un mondo con tassi d’interesse costanti, una loro salita non sarebbe un problema particolarmente grande. Innanzitutto se i tassi fossero fluttuanti, le banche si proteggerebbero dalle variazioni dei tassi d’interesse. Qualora presentassero tassi ad un livello più alto e questi ultimi calassero, godrebbero di un rendimento medio più elevato quando i tassi saliranno di nuovo. In secondo luogo, se i tassi incidessero sulle fluttuazioni naturali, le banche sarebbero riluttanti a finanziare prestiti a lungo termine utilizzando veicoli a breve termine. La riserva frazionaria opera parzialmente sull’aspettativa che i tassi d’interesse rimarranno stabili a lungo termine. Se il costo del denaro il prossimo mese può essere superiore di 20 punti base a quello di questo mese, le banche avranno incentivi a cercare soluzioni di finanziamento fisse anziché sfruttare i soldi dei depositanti. In altre parole, le banche probabilmente smetteranno di impegnarsi nella trasformazione delle scadenze, poiché il rischio che i tassi d’interesse superino il rendimento dell’intero portafoglio sarebbe troppo alto. Ciò limita come minimo l’esposizione a questa forma di prestito e sopratutto lo limita a qualcosa inferiore ad un rapporto di leva di 27 a 1 e promuove le vendite di finanziamenti fissi come i certificati di deposito. L’incertezza del mercato e la rimozione del supporto del sistema bancario centrale creerebbero un sistema bancario commerciale più stabile, il che significa naturalmente passare ad un sistema di riserva intera.

Tag: banche

Le strategie delle banche per gli investimenti del 2020

Ci si focalizzerà, in particolar modo, su prodotti ad alto contenuto di servizio di concerto con l’introduzione di schemi remunerativi innovativi.

di Luigi Boggi – 31 Dicembre 2020

La Bce prepara nuovi Stress Test per le banche in Europa

Con gli stress test, saranno valutati anzitutto la qualità degli attivi che verranno utilizzati per aggiustare il punto di partenza della prova di stress. Sono trascorsi tre anni dai primi…

di Luigi Boggi – 3 Settembre 2020

In Europa comincia ad esserci più liquidità

Dopo il nuovo taglio dei tassi di interesse effettuato dalla Bce lo scorso 5 giugno, qualcosa potrebbe modificarsi e potrebbero esserci nuove misure a contrastare la bassa inflazione, che dovrebbe…

di Luigi Boggi – 2 Agosto 2020

Come cambieranno le banche europee dopo gli stress test

Sono trascorsi tre anni dai primi stress test fatti per determinare il livello di robustezza delle banche a probabili shock finanziari. La crisi del debito in Eurozona era all’apice e…

di Luigi Boggi – 22 Luglio 2020

Italia: declassate 18 banche

Standard&Poor’s ha declassato prima il nostro paese e poi gli istituti di credito, 18 banche per l’esattezza, quasi ad additare i responsabili della crisi che sta vivendo l’Italia.

di Luigi Boggi – 29 Luglio 2020

Cina: via alla libertà nei tassi delle banche

Lo statalismo cinese è duro a morire ma ci sono delle piccole novità nel mondo finanziario che iniziano a minarne le basi, per esempio la liberalizzazione delle banche che punta…

di Luigi Boggi – 29 Luglio 2020

Banche: troppo elevati i costi dei conti correnti

Le banche, a livello economico, sono le vere protagoniste “in negativo” della crisi che si sta vivendo a livello planetario. Se c’è qualcosa che non va nella nostra società, insomma,…

di Luigi Boggi – 30 Giugno 2020

Crisi: per S&P’s è colpa delle banche

L’analisi del contesto europeo ed italiano affascina tutti e ogni realtà ha delle risposte diverse per quello che sta accadendo nel nostro paese. Certo è che l’agenzia di rating S&P’s…

di Luigi Boggi – 5 Giugno 2020

Banche sofferenti anche nel 2020

L’ultimo rapporto AFO 2020 redatto dall’ABI ha confermato che le banche nazionali ed internazionali saranno sofferenti anche nel prossimo biennio a causa dei cosiddetti crediti inesigibili. Vediamo di cosa si…

di Luigi Boggi – 21 Dicembre 2020

La salute delle banche italiane

Il sistema economico e finanziario di un paese si regge spesso sulla salute del sistema creditizio. Basta pensare che la grande crisi che stiamo vivendo è stata originata da una…

di Luigi Boggi – 29 Novembre 2020

Opzioni binarie 60 secondi: cosa sapere

di Valentina Cervelli

Opzioni binarie vietate: tiriamo le somme

di Valentina Cervelli

Opzioni binarie, gli indicatori più importanti per principianti

di Valentina Cervelli

Trading: 24Option sospesa da Consob in Italia

di Valentina Cervelli

Opzioni binarie, Bande di Bollinger e Oscillatore RSI

di Valentina Cervelli

OpzioniBinarieLive is part of the network IsayBlog! whose license is owned by Nectivity Ltd.

Managing Editor: Alex Zarfati

OpzioniBinarieLive è un sito esclusivamente divulgativo e non può essere ritenuto responsabile degli investimenti effettuati dagli utenti.

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Come iniziare a fare trading di opzioni binarie
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: