Average True Range, come applicarlo – Opzioni Binarie

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Average True Range, come applicarlo

In un precedente articolo vi abbiamo parlato molto semplicemente di che cosa è il Average True Range, come applicarlo, per chi non si ricorda vi invito ad andare a ripassarlo. Come vi ho già detto l’ATR non è un vero e proprio indicatore siccome non vi dirà la direzione dei prezzi, ma bensì l’unica indicazione che vi darà è quella della volatilità dei mercati.

Ma quindi perché utilizzare l’ATR? A che scopo? E’ semplice! Siccome vi indica la volatilità è davvero molto utile per capire quale momento della giornata può essere più proficuo o meno nell’applicare una vostra strategia per le opzioni binarie. Se ad esempio volete adottare una strategia la quale per avere successo richiede una grande volatilità dei prezzi ecco che con l’ATR vi tornerà davvero molto utile. In oltre può anche essere usato per scegliere il titolo giusto in base alla volatilità che preferite. Un altro utilizzo del ATR è anche quello di capire come piazzare un paracadute, ovvero di poter piazzare un’uscita anticipata rispetto alla scadenza nel caso in cu vi accorgiate che le cose non stanno andando nel verso giusto, oppure di posticipare la scadenza nel caso in cui le cose stanno andando male ma prevedete un cambio di rotta che potrebbe farvi guadagnare.

Per poter utilizzare l’ATR al meglio vi ricordo che alti valori dell’ATR, ovvero quando la linea ha picchi verso l’alto, significa che in quel momento si sta verificando un alta volatilità e quindi i prezzi potrebbero essere imprevedibili e potrebbero salire oppure scendere. Quando si verifica questa situazione occorre molta prudenza e comunque è il momento giusto per applicare una strategia sfruttando la volatilità dei prezzi e prendendo in considerazione anche di applicare un paracadute ovvero o di uscire anticipatamente rispetto alla scadenza impostata oppure posticipandola. Al contrario quando l’ATR ha bassi valori e quindi ha picchi verso il basso significa che i prezzi stanno avendo una bassa volatilità e quindi il mercato risulta essere più tranquillo con i prezzi più stabili, quindi in questo caso potrete applicare una strategia che per avere successo preveda una bassa volatilità.

Come avrete capito l’ATR viene usato principalmente per capire in quale situazione del mercato ci troviamo, se i prezzi sono imprevedibili o prevedibili ed in base ad esso capire qual è la migliore strategia da applicare. Non sottovalutate l’ATR dunque perché vi sarà utilissimo per poter pianificare la vostra strategia con le opzioni binarie.

Average True Range

Non preoccupatevi perché l’Average True Range non è una parolaccia ma è un altro strumento di analisi tecnica che vi sarà di sicuro molto utile e oggi lo vedremo insieme spiegato nella maniera più semplice possibile.

L’Average True Range è più comunemente chiamato con la sigla ATR, sicuramente ne avrete già sentito parlare o visto su qualche grafico, e viene utilizzato soprattutto per capire il grado di volatilità di un titolo. Ecco qui sotto come si presenta nel grafico:

Come avete notato si tratta di una semplice linea che si posiziona in basso rispetto al grafico principale e questo ci fa ricordare molto lo stocastico. L’ATR però ovviamente ci indica una cosa diversa ed è calcolato in modo diverso attraverso dei calcoli statistici che ora non vi spiego per semplicità.

In realtà l’ATR non serve particolarmente e non ci offre dei veri e propri segnali, ma questo solamente se è utilizzato da solo, infatti il suo utilizzo serve come vi ho già detto per capire la volatilità dei mercati e se è associato ad altri indicatori allora potrebbe trasformarsi in un potente strumento. Usare l’ATR ci serve in particolar modo per prevedere come si comporteranno i traders e in base a questo procedere in un determinato modo. Ad esempio più l’ATR è alto è più ci fa capire come gli investitori stanno continuando ad operare verso una direzione e probabilmente continueranno a seguire quella direzione. Più invece l’ATR è basso e più si sta raggiungendo un punto di stallo dove probabilmente i prezzi non seguiranno più una determinata direzione ma avranno quindi una rottura e quindi un cambio di trend.

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Con questo articolo mi sono semplicemente limitato a spiegarvi cosa è l’ATR e cosa ci indica, ma in un prossimo articolo cercherò di spiegarvi meglio come poterlo applicare con le vostre opzioni binarie.

ATR indicatore volatilità: come usare

Home » Segnali Forex e Strategie » ATR indicatore volatilità: come usare

L’indicatore ATR (Average True Range) è molto apprezzato dai trader che scambiano asset molto volatili. Ha infatti la capacità di individuare le fasi di volatilità e di lateralità dei prezzi.

Raramente utilizzato da solo, se impiegato con l’RSI o l’ADX è in grado di segnalare adeguatamente i livelli di entrata e di uscita dal mercato. Ha una solida storia alle spalle: è stato creato dal trader J. Welles Wilder nel 1978 e menzionato per la prima volta nel libro “In Technical Trading System”, testo di esordio anche per i più famosi RSI, Parabolic SAR e ADX.

ATR: calcolo e valori

Lo scopo dell’indicatore ATR è segnalare il grado di volatilità di un asset in un dato periodo. Sul piano visivo, viene rappresentato attraverso una linea che compare al di sotto delle candele, in un settore di grafico a parte rispetto al quadrante del prezzo.

Il suo calcolo è piuttosto complicato ma, per fortuna, viene interamente eseguito dalle piattaforme. Il trader deve semplicemente impostare le coordinate temporali. Convenzionalmente, l’indicatore ATR viene impostato a 14 periodi. Un numero di periodi inferiore genererebbe falsi segnali, un numero di periodi superiori risulterebbe troppo dispersiva.

ATR indicatore: come si usa

Come abbiamo già detto, la linea dell’ATR è rappresentata nella parte inferiore del grafico e consente di individuare velocemente e con precisione i momenti in cui la volatilità aumenta o diminuisce. Diversamente, l’occhio umane rischierebbe di essere ingannato dalla semplice lettura delle candele. In linea di massima, però, si può affermare che a periodi volatili corrisponde una maggiore frequenza di long candle.

Come si utilizza l’ATR?

Il suo impiego in solitaria è sconsigliato. Come tutti gli indicatori in grado di fornire informazioni sulla volatilità, l’ATR NON suggerisce le inversioni di trend, quindi i livelli di entrata e di uscita. Una fase di volatilità, infatti, non porta sempre a un cambio di direzione. Lo fa solo se sopraggiungono certe condizioni, ampiamente segnalate dai livelli di ipercomprato e ipervenduto con altri indicatori / oscillatori affiancati come RSI, ADX o Stocastico. Per questo motivo, affinché l’ATR funzioni al meglio, deve essere accompagnato ad altri indicatori, i quali magari offrono informazioni specifiche sui volumi. L’RSI, per esempio, è un ottimo compagno per l’ATR.

ATR: stop loss o trailing stops per il forex trading

Un metodo classico di utilizzo dell’ATR è legato per il calcolo dello stop loss adeguato alla volatilità del momento.

  • in momenti di elevata volatilità l’ATR tende a crescere di valore suggerendo al trader di impostare stop loss più elevati
  • in momenti di bassa volatilità l’ATR tende a diminuire di valore e suggerisce al trader di utilizzare stop loss più stretti

Allo stesso modo l’ATR suggerisce anche la distanza di trailing stops (o step trailing) da usare in base alla volatilità.

In questo video, si nota che poco prima della seconda inversione di tendenza l’RSI era basso e l’ATR era alto. Si evince, quindi, che il prezzo cambia direzione quando, in contemporanea, l’ATR segnala una elevata volatilità e l’RSI segnala un situazione non ordinaria dal punto di vista dei volumi: ipercomprato nel caso di passaggio dall’uptrend al downtrend e ipervenduto in caso di passaggio dal down trend all’up trend.

Ovviamente, nessuno vieta di utilizzare l’ATR insieme ad altri indicatori, ma il binomio più semplice da leggere, e quindi da sfruttare ai fini di trading, è proprio quello con l’RSI.

ATR opzioni binarie

Per il trading opzioni binarie l’ATR può essere utile per valutare le scadenze. Un elevato ATR indica un rischio maggiore per via della volatilità e quindi può suggerire al trader di scegliere delle scadenze più lunghe.

[callout bg=”#eeee22″ bt_content=”Prova adesso” bt_pos=”right” bt_style=”undefined” bt_link=”https://we-trading.eu/broker/opzioni/iqoption” bt_target=”_blank” bt_rel=”nofollow” bt_outer_border=”true” bt_outer_border_color=”##ffffff”]Prova l’ATR sulla piattaforma IQoption per il trading di opzioni binarie[/callout]

Lorenzo Sentino

Lorenzo Sentino è trader online, coach di strategie di trading su indici, azioni e forex. AVVISO: I trading alert, segnali forex e ogni altra indicazione presente in queste pagine non devono essere considerati come raccomandazioni di investimento personalizzate ma frutto di libera espressione, studio e analisi degli autori. Non ci si assume responsabilità sulle conseguenze dell’utilizzo delle informazioni presenti.

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Come iniziare a fare trading di opzioni binarie
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: