Assets giapponesi in declino – Opzioni Binarie

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Assets giapponesi in declino

In questi ultimi mesi quasi tutti gli assets giapponesi, e mi riferisco soprattutto alla valuta YEN, sono in declino. Infatti solamente nel maggio di quest’anno il volume di affari è sceso a un minimo record di appena 299 milioni di dollari ed anche il mese di Agosto non è stato roseo siccome si è addirittura andati quasi oltre a questo limite record così minimo. Andando a guardare il mese di Agosto 2020 che ha registrato un volume di scambi di 667 milioni di dollari e quello del 2020 con un volume di 479 milioni di dollari la perdita è stata del 49% e del 28% e si capisce bene che ogni mese è andato sempre più in calo considerando anche il fatto che ogni mese successivo si è evidenziato sempre un volume corrispondentemente inferiore a quello del 2020.

Esaminando poi il volume di negoziazioni della coppia di valute GBP/JPY si è evidenziato uno stesso calo abbastanza netto considerando che in un solo mese da luglio (116 milioni di dollari) ad agosto si è registrato un calo del ben 73%, ma oltre a questo aggiungiamoci anche un ulteriore calo di scambi del 16% della coppia EUR/JPG.

Dopo questo drammatico calo i clienti giapponesi stanno preferendo ad invertire nei mercati offshore. Ma perché sta accadendo questo? Come spiegare questo fenomeno di calo su quasi tutti gli assets giapponesi? E’ semplicissimo! L’inghippo che ha scatenato questo calo sono state alcune regole molto rigide imposte in Giappone da parte della FFAJ (Financial Futures Association of Japan) come ad esempio la durata minima di un opzione binaria che deve essere di 2 ore e questo ne consegue che in un periodo di 24 ore il numero di periodi di opzioni è 24/x dove x è di 2 ore. Dal momento che la sovrapposizione di periodi non è consentito agli operatori si ha una notevole quantità di tempo in cui l’azione è scarsa. Questa limitazione ha spinto la maggior parte del commercio giapponese verso i mercati offshore non regolamentate, in tal modo la FFAJ sta ora supervisionando una piccola percentuale del mercato giapponese di opzioni binarie che si potrebbe sostenere e questo è abbastanza controproducente.

Si può dedurre molto bene quindi che a causa di queste limitazioni da parte della FFAJ gli operatori giapponesi preferiscono fuggire dal loro mercato poco competitivo e rivolgersi piuttosto all’estero verso brokers anonimi.

Per chi vuole operare con gli assets giapponesi in questo periodo direi che molto probabilmente non è proprio una buona idea siccome il mercato giapponese è piuttosto fermo quindi sarebbe un rischio ulteriore. Ma se volete provarci ugualmente non siamo di certo noi a fermarvi, anzi per fortuna che siamo in Italia e qui certe limitazioni non ci sono state imposte quindi potete tranquillamente operare liberamente sfruttando i tanti Brokers recensiti da noi e con licenza Consob e andrete sul sicuro.

Sempre Strategia Anonima: come usarla bene

Sull’interfaccia del trader andranno attivati, senza dubbio, gli indicatori per poter sfruttare la Strategia Anonima: il 13 Media Mobile esponenziale (EMA ) attraversa il 20 Simple Moving Average (SMA); il 26 Media Mobile esponenziale (EMA) attraverserà il 20 Simple Moving Averave (SMA) dopo di che attraverserà il 13 Media Mobile esponenziale (EMA)

La banda di Bolliger è rappresentata da due linee. La metà di queste due linee è la media della posizione degli indicatori. La banda di Bolliger ha due limiti, un limite superiore ed un limite inferiore in cui i suddetti indicatori sono posizionati.

Se le posizioni sono “soddisfatte esattamente” ci sarà il 95% dei casi che si verifiche questo: il valore del bene andrà al di fuori di uno dei confini della Bolliger Band e, di conseguenza, si potrà valutare la direzione del prezzo del bene. Se, in media, gli indicatori salgono, allora l’attività romperà il limite superiore del BB. Se, invece, in media gli indicatori scenderanno, l’attività romperà il limite inferiore del BB.

Lo scenario delineato si avvererà con una probabilità del 75%-90% dei casi. Ora, bisogna capire cosa necessita per utilizzare questa Strategia Anonima “a vantaggio”. Si può esemplificare così:

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

. Il tasso di cambio EUR/USD è a 1.35 in questo momento

. Il limite superiore della banda di Bolliger è a 1.37

. Il limite inferiore della banda di Bolliger è a 1.33

Il 13 EMA ha attraversato il 20 SMA e il 26 EMA ha attraversato il 20 SMA e presto attraverserà il 13 EMA e gli indicatori si stanno muovendo verso il basso. In questo caso si sa che nel corso dei prossimi 15-30 minuti il valore di EUR/USD rimbalzerà al di sotto della linea BB più bassa, in altre parole, sarà sotto 1,33.

Bisogna tenere presente che il valore del bene tornerà sempre indietro nei due confini della banda di Bolliger e qui ci sono, fondamentalmente, due scelte da effettuare:

a) comperare un’opzione boundary (di confine) od un’opzione one-touch e scommettere sul fatto che il valore della coppia EUR/USD toccherà il confine a almeno 1,33. Ricordarsi che usando la Strategia Anonima si prevede che il bene, con una probabilità del 90%, scenderà al di sotto del valore 1,33 nei prossimi 15-30 minuti. Scelta rischiosa questa visto che non si può sapere esattamente quando questo evento accadrà, ma l’acquisto di una opzione di confine, od un’opzione one-touch, è in grado di offrire elevatissimi tassi di pagamento, fino al 500%.

b) Acquistare una semplice PUT, scommettere sul risultato che in 15-30 minuti, il valore del bene (in questo caso il tasso di cambio EUR/USD) sarà sotto la linea corrente, in questo caso 1,35. Questa scelta è meno rischiosa perché il valore del bene sarà sicuramente in discesa durante questo lasso di tempo. Scegliendo una opzione alto/basso non è rilevante se il valore del bene raggiungerà un valore specifico, in questo caso 1,33: importa solo che il suo valore diminuirà e, come la Strategia Anonima ci ha detto, il valore effettivamente diminuirà.

Grafici e Candele

EURUSD – E’ il momento di Comprare al rialzo?

La settimana scorsa ho comprato un’opzione binarie con scadenza per il 30 di maggio a 1,3735 e attualmente sono in perdita. Tuttavia oggi ho notato un segnale opzioni binarie al rialzo sul grafico H1 che potrebbe spingere i prezzi fino a tutto domani.

Le divergenze rialziste sono state evidenziate dal minimo dei prezzi di stanotte non rispecchiato sugli indicatori RSI e MFI utilizzati recentemente assieme al TrendGT.

Inoltre la divergenza è rafforzata da un segnale di trading rialzista del TrendGT su H1.

Anche su H4 si evidenzia la divergenza di H1.

Il mio consiglio è di provare di comprare al rialzo EURUSD con le opzioni binarie con scadenza domani giorno 30 Maggio.

Per conoscere gli aspetti delle divergenze potete leggere le guide e lezioni di trading da QUI.

Come creare segnali opzioni binarie affidabili 75%

I segnali opzioni binarie sono di vitale importanza per il trader che intende guadagnare in modo costante. Il mondo delle opzioni binarie è appassionante anche per la possibilità di personalizzare la propria strategia di trading online in relazione ai seguenti fattori:

Ognuno di questi aspetti influenza il piano di trading e le strategie opzioni binarie ed ecco perchè la stesso strategia può dare risultati differenti se realizzata in tempi differenti e da soggetti emotivi differenti.

I segnali Opzioni Binarie

Seguire un’indicazione di CALL o PUT generata da un sistema di trading rappresenta un aiuto importante per mantenere concentrazione e lucidità su dove il trend vuole dirigersi nei successivi minuti. L’affidabilità dei segnali opzioni binarie dipende da tantissimi fattori come:

  • tipo di strategia (se in trend o contro trend)
  • tipo di money management (investimenti fissi o martingala)
  • tipo di filtri da applicare (con indicatori o di price action)

Ogni argomento è stato già trattato in questo sito ma oggi voglio darvi una mia personale configurazione che ho sviluppato e usato recentemente con discreto successo.

Se lavorate con le opzioni binarie 60 secondi allora è necessario studiare a approfondire questi argomenti perchè le strategie binarie 60 secondi sono molto redditizie solo se si seguono segnali di trading affidabili.

La configurazione è disponibile per tutti coloro che hanno già ricevuto il TrendGT Indicator.

Come potete vedere dal video qui sopra, ho realizzato 8 investimenti da 50 euro con 6 vittorie e 2 perdite con TopOption, ovvero un’affidabilità del 75% dei segnali opzioni binarie.

I miei consigli per accrescere l’affidabilità dei segnali di trading sono:

  • Valutare sempre 2 TimeFrame grafici, uno minore e uno maggiore
  • Non andare mai in contro trend senza un segnale di debolezza del trend primario o di inversione, o senza la presenza di divergenze grafici/prezzi
  • Usare altri indicatori come filtro ma su TF differenti. Ad esempio, per le strategie di trading 60 secondi, io ho usato l’RSI sul grafico M5 per segnalare e anticipare le inversioni e il MFI Index su M1 + TrendGT

Ricordo che il TrendGT è un indicatore per Metatrader che vi aiuta a valutare il trend con la maggiore probabilità di successo e potete ottenerlo gratis se decidete di aprire un conto tramite il mio sito e mandando un’email a [email protected]

Bonus Opzioni Binarie del Mese

  • TopOption permette di ottenere fino al 100% di bonus e investimenti a partire da 10 euro con deposito minimo di 100 euro
  • 24Option offre un bonus del 100%, deposito di 250 euro e investimento minimo di 24 euro
  • Banc de Binary vi offre un bonus fino al 100%, deposito di 250 euro e investimento minimo di 1 euro!

Potete confrontare tutti i broker opzioni binarie in questa tabella: http://guidatrading.com/broker-opzioni-binarie/tabella-comparativa/

Strategia Pin Bar – parte 2

Oggi la maggior parte dei traders utilizzano grafici candlestick, in quanto sono visivamente più immediati e facili da comprendere, mentre qualche tempo fa venivano utilizzati soltanto i grafici a barre. Quando si parla di Pin bar ovviamente si utilizzano grafici a barre, mentre l’equivalente nei grafici candlestick è rappresentato dalle “Rejection Candle”.

Nella rejection candle la parte di rifiuto viene chiamata coda del candlestick. Avrà una grande coda proprio come la Pin Bar ha il suo lungo naso.

Affinchè un candlestick si qualifichi come una Rejection Candle, essa deve presentare le seguenti caratteristiche:

  • Il prezzo di apertura e chiusura della candela deve essere situato ad una estremità della candela (non al centro)
  • La coda della candela deve sporgere su un’estremità
  • La coda deve percorrere almeno 2/3 di tutta la lunghezza della candela

A seconda del modo in cui la coda viene formata dalla rejection candle o dalla pin bar, è possibile stabilire se si tratta di un segnale rialzista o ribassista.
Nell’immagine sottostante proponiamo un esempio di segnale rialzista:

Nell’immagine sottostante invece viene proposto un segnale ribassista. Da notare ed osservare il modo in cui la coda della candela si prolunga verso l’alto formando un’immaginaria freccia rivolta verso il basso, indicando la direzione verso cui il prezzo vuole spostarsi.

Come detto anche in precedenza le Rejection Candle e le pin bar si formano molto spesso attraverso i vari timeframe, ma ovviamente non tutti rappresentano degli ottimi segnali di trading su cui investire. Investendo su ogni singola candela rejection, con molto probabilità si perderà del denaro, e per questo abbiamo bisogno di individuare tutti quei segnali che hanno un elevata probabilità di successo.

  1. Un primo passo in questo senso, è quello di tradare le Rejection Candle con grafici con timeframe di almeno 4 ore, in quanto i grafici con time frame più bassi riducono in modo significativo la qualità dei segnali.
  2. Un secondo importante passo potrebbe essere quello di utilizzare le rejection candle o le pin bar che si formano ad importanti livelli di supporto e resistenza sul grafico. I livelli di supporto e resistenza generalmente rappresentano dei punti chiave per i prezzi nel mercato. La combinazione di questi importanti livelli con le rejection candle o con le pin bar, possono migliorare in modo esponenziale le probabilità di successo.

Le probabilità sono a tuo favore, semplicemente perché il mercato si ripete sempre. Analizzando i dati storici del Forex, possiamo notare che il mercato produce sempre la stessa risposta.

Una Rejection candle rialzista si forma ad un livello di supporto del mercato che ha segnalato un aumento dei prezzi.

Nell’immagine sottostante invece una rejection candle ribassista formata ad un livello di resistenza.

Ecco invece un classico esempio in cui i rejection candle rappresentano degli ottimi segnali di inversione nei mercati “ranging”.

Per concludere, dopo aver trattato di pin bar e rejection candle, possiamo capire l’importanza di questi strumenti e la loro potenza. Esse generalmente producono degli ottimi rendimenti in quanto i traders possono anticipare le mosse del mercato. Quindi il nostro consiglio è sempre quello di investire seguendo delle logiche ben precise ed utilizzare i migliori strumenti di analisi e, le Pin Bar e le Rejection Candle possono essere annoverati tra di essi.

Strategia Trading Pin Bar

Strategia forex pin bar

In questo articolo parleremo della strategia di trading forex con le Pin Bar, ovvero di uno dei segnali di trading più potenti della price action attualmente esistenti. Si tratta appunto di una strategia forex che si occupa di studiare il movimento dei prezzi delle azioni, delle valute, degli indici, ecc.

Cosa sono le Pin bar

La Pin Bar, per chi già conosce la price action theory, rappresenta la struttura principale della maggior parte dei sistemi di trading fondati sulla price action. Si tratta di una particolare formazione delle candele, la cui apertura e chiusura devono essere superiori almeno della metà del range per Pin bar rialzista e per essere delle Pin bar ribassiste devono essere inferiori almeno del 50% del suo range.

La candela appunto è composta da tre punti fondamentali:

  1. L’open (apertura)
  2. Il Close (chiusura)
  3. Il Nose (naso che rappresenta la “bugia” del mercato)

L’open rappresenta il prezzo effettivo di apertura della pin bar, il close è il prezzo di chiusura, il nose invece rappresenta il tratto di shadow (ombra) caratteristico della pin bar. Essa infatti si presenta con un lungo naso sporgente su un lato del prezzo di apertura e chiusura. Per essere realmente una pin bar, i prezzi di apertura e chiusura devono trovarsi ad una estremità della candela ed il nose deve percorrere almeno i 2/3 della misura di tutta la bar. Ovviamente più lungo è il nose e più potente è il segnale.

Pin bar Webinar

Per attuare delle strategie di successo è necessario una buona formazione per il trader. In particolare vi vogliamo consigliare i Webinar forex gratuiti che il docente il Dott. Lorenzo Sentino tiene settimanalmente. Si tratta di Webinar accessibili a tutti anche con conto demo, dove si tratteranno diversi temi riguardanti le migliori strategie forex per il tuo trading. Cliccando qui potrai iscriverti e partecipare ai Pin bar Webinar.

La bugia dei Falsi Breakout

La pin bar viene associata alla favola di pinocchio, da cui prende anche il nome, per i movimenti che essa percorre. La prima mossa riguarda lo spostamento del prezzo dal punto X al punto Y. Questo primo spostamento attira molti traders in quanto si credono che esso rappresenti un breakout e quindi intendono sfruttarne i vantaggi. Il secondo movimento invece riguarda lo spostamento dal punto Y al punto X e quindi alla situazione di partenza formando un grosso naso proprio come quello di pinocchio. Dunque quando il corpo della candela si riduce di tanto rispetto alle precedenti ( e si allunga l’ombra) molto probabilmente si verifica un cambio del trend. Quando la lunghezza dell’ombra è maggiore rispetto al corpo della candela, maggiore è la probabilità che si verifichi una Pin bar di inversione. In questo caso però questa bugia è costata cara a molti traders che sono rimasti intrappolati da questo falso breakout.

Le pin bar come potete notare, rappresentano degli strumenti molto potenti di price action. Queste si formano con molta frequenza e possono essere trovati in tutti i time frames.

Come usare le pin bar per fare trading online?

Il principale utilizzo della pin bar è quello di interpretarla come un segnale di inversione di tendenza della price action. Quando questa si forma significa che il mercato sta per muoversi nella direzione opposta. Lavorare con le pin bar potrebbe essere molto utile per:

  • Catturare possibili Top o Buttom del prezzo (punti alti e bassi)
  • Identificare le trappole breakout che possono portare a potenti inversioni
  • posizionarsi in zone di trend con dei ottimi prezzi.

Come tradare con le Pin bar

Per sfruttare al meglio questa Pin bar strategy forex e dunque per tradare con le Pin bar bisogna:

  • Attendere che si venga a formare una Pin bar in corrispondenza della resistenza o del supporto
  • Una volta formata la Pin bar entrare long sul supporto
  • Dopo la formazione della Pin bar entrare shot sulla resistenza
  • Successivamente per ottimizzare il rischio bisogna effettuare un ordine limite pari alla metà della Pin bar; se la Pin bar è ribassista effettuare un ordine stop loss con un valore poco superiore al massimo e poco inferiore al minimo se invece la Pin bar è rialzista.

Pin bar binarie

Le Pin bar binarie rientrano tra i segnali più famosi delle tecniche del Price Action. Si tratta di una strategia Pin bar abbastanza semplice solitamente applicata indistintamente sia da trader alle prime armi sia da trader esperti in quanto non sono necessarie delle conoscenze particolari per applicarla. Infatti con questa strategia è possibile trovare i migliori punti per acquistare opzioni CALL e PUT, e dunque per guadagnare con le opzioni binarie.

Le Pin bar possono essere ribassiste o rialziste: rialzista quando il corpo della terza candela supera il corpo della seconda. In questo caso si procede con l’acquisto di un’opzione CALL. Se invece la barra ribassista che sta a destra della pin bar attraversi il corpo della candela dall’alto verso il basso, il pattern sarà a ribasso e dunque si procede con l’acquisto di un’opzione PUT.

Grafici con le pin bar

In questo momento è possibile utilizzare i grafici della nuova piattaforma trading 4.0 del broker Iqoption per identificare le pin bar andando sulla funziona avanzata che permette di fare trading guardando e personalizzando i grafici.

In alternativa è possibile utilizzare il tool aggiuntivo di Markets.com che identifica in automatico le pin bar. Se vuoi scaricare una copia gratuita del tool condividi questo articolo e richiedilo via email a [email protected] oppure lascia un commento

leggi parte 2

Analisi Tecnica MACD con i Grafici di OptionTime

Aggiornamento del 19 Novembre: Optiontime è stata in inglobata nel broker Topoption (vedi qui)

Ecco un articolo che riguarda il trading con l’assistenza degli strumenti di analisi tecnica del broker opzioni binarie OptionTime.

L’Analisi Tecnica è lo studio dell’andamento dei prezzi utilizzato dai traders professionisti per prevedere il trend di mercato e dei prezzi degli assets. In questo articolo presenteremo il grafico a candele giapponesi e l’oscillatore denominato MACD basandoci sul grafico del EUR/USD.

Il grafico a candele giapponesi presente è un grafico a scala di tempo di 1 minuto (ovvero 60 secondi), ciò significa che ogni candela verticale verde o rossa , rispecchia l’oscillazione del prezzo di mercato dell’EUR/USD in un singolo minuto. Una candela verde indica che nell’arco dei 60 secondi il prezzo è aumentato, mentre una candela rossa indica un ribasso del prezzo nello stesso arco di tempo. I segmenti verticali sopra e sotto le candele, indicano le oscillazioni massime e minime all’interno della scala di tempo selezionata, ma non il prezzo di apertura e chiusura della candela.

MACD : Sotto il grafico dei prezzi dell’EUR/USD appare l’oscillatore del MACD. Appaiono due linee, una rossa e una nera , che spesso si intersecano tra loro. La linea rossa è la media mobile a 12 periodi (significa che viene fatta la media mobile del prezzo di chiusura delle ultime 12 candele), la linea invece è la media mobile a 26 periodi. Quando la linea rossa, che è la media mobile più leggera e che reagisce prima alle oscillazioni di mercato, interseca con la linea nera, in direzione verso l’alto, viene fornito un segnale di rialzo. Viceversa quando la linea rossa interseca con la linea nera al ribasso, viene fornito un segnale di trend ribassista.

È bene notare che ogni transazione di trading basata sull’analisi del MACD deve prendere in considerazione la scala di tempo del grafico. Più breve sarà la scala di tempo del grafico, più breve sarà la transazione e la scadenza dell’opzione binaria.

Per cominciare a fare trading con l’ausilio degli oscillatori di analisi tecnica, e per ricevere una sessione di training personalizzata,

apri QUI un conto con OptionTime e Ricevi Gratis il TrendGT Indicator!

Strategie Trading con Harami e Tweezers Tops/Bottoms

Modelli Reversal Giapponesi – parte 3

I Modelli Harami e i Tweezers Tops/Bottoms

I modelli candlestick patterns che stiamo per esaminare, fanno parte di un sottoinsieme di modelli che generalmente sono degli indicatori reversal meno potenti di quelli trattati precedentemente, anche se ci sono delle eccezioni. Il pattern harami è una candela con un piccolo real body, che viene contenuta all’interno del real body dell’ insolita candela lunga con un body di colore nero o bianco.

Questo modello rappresenta l’esatto contrario del modello “engulfing”. La seconda candela può essere sia di colore bianco che di colore nero, comunque nella maggior parte dei casi essa assumerà il colore opposto al precedente real body. Quando il secondo real body riduce le dimensioni per diventare un doji, si ha un “Harami cross”. Secondo i modelli giapponesi l’Harami cross è un segnale molto potente e addirittura più potente del modello Harami standard che tipicamente è molto efficace per realizzare dei piani di mercato sui market bottoms. Nel modello Harami il real body più piccolo della seconda candela mostra il dissenso del mercato al precedente forte movimento, indicando la diminuzione della potenza del trend.
Nell’immagine sopra sono raffigurati il modello Harami e l’Harami cross. Sotto invece viene illustrata la natura inversa dei modelli Engulfing e dei modelli Harami.

Le Tweezers Top/Bottom sono due o più candlesticks che hanno degli accoppiamenti alti o bassi. In un mercato in crescita, i Top tweezers sono formati da due o più punti alti consecutivi, mentre i Bottom Tweezers si formano nei mercati in caduta dove ci sono due o più punti bassi. I Tweezers Top e Bottom, si possono formare in ogni parte del candlestick inclusi i real body, le doji e/o le ombre. Una formazione Tweezers ideale potrebbe verificarsi con un una prima candela lunga abbastanza forte seguita da una seconda candela con un real body piccolo che ci indica una perdita di forza del movimento precedente. Maggiore importanza viene data a quella formazione di tweezers che si verifica dove ci sono altri segnali di candele reversal rialziste o ribassiste, che rappresentano allo stesso tempo anche dei tweezers Top/Bottom.
Le immagini qui sotto, mostrano alcuni dei tanti esempi di formazioni Tweezers.

Trading con Morning, Evening e Shooting Star

Modelli Reversal Giapponesi parte 2

Vai alla parte 1

Modelli Morning ed Evening Star

Uno Star pattern si verifica quando una candlestick con un piccolo real body (bianco o nero) si distanzia dal più grande real body che lo ha preceduto. Il Body può essere all’interno dell’ombra superiore o inferiore della sessione precedente ma i body non devono mai sovrapporsi. Il piccolo real body della star indica una situazione di stallo tra bulls e bears, a cui dovrebbe far seguito una candela cou un real body esteso, il quale punta a una forza dominante di buy/sell. Il candlestick finale di questo modello a tre candele vede una candela reversal penetrare profondamente all’interno del real body della prima candela, indicando in questo modo un cambio nell’equilibrio della battaglia Bull/Bear.
Idealmente un gap si potrebbe verificare tra il secondo e terzo real body, tuttavia questo si verifica raramente e la mancanza di questo secondo gap non sembra diminuire la potenza della formazione.

Scarica una copia della Metatrader 4 Gratis per analizzare i mercati e trovare gli Star Pattern!

Una Evening Star si verifica dopo un rally, mentre la Morning Star dopo un sell-off. Dove invece la Star è una candela Doji con un piccolo real body, avremo una formazione Doji Star. Le Stars, specialmente le Doji Stars ci avvertono che il precedente trend potrebbe finire.
L’immagine sotto mostra la Morning, la Evening e le formazioni Doji Star morning /evening.

I principali fattori che fanno aumentare la probabilità che i modelli Star precedono un’inversione di trend sono:

1. La mancanza di sovrapposizione tra i primi, secondi e terzi real bodies;
2. Bassi volumi sulla prima candela seguita da un volume elevato sulla terza candela indicano la potenza del reversal;
3. La penetrazione profonda dalla terza candela nel real body della prima candela, indica un’oscillazione nell’equazione di domanda/offerta.

Shooting Star e Inverted Hammer

La Shooting Star è una candela reversal ribassista che viene dopo un rally. Essa ha un piccolo real body nell’estremità inferiore del suo range con una lunga ombra nella parte superiore, idealmente ha un real body che si distanzia dal real body della precedente candela, mentre il colore del real body non assume una rilevante importanza. Le candele con una ombra lunga nella parte superiore indicano un fallimento dei bulls nel mantenere i guadagni. Essendo una candela solitaria, piuttosto che una formazione, gli si dà meno significato rispetto alle formazioni star di cui abbiamo parlato precedentemente.
L’Hammer invertito, anche se non è un modello star, appare come uno shooting star, ma che invece arriva dopo un declino. Il colore dell’Hammer invertito non assume importanza. Essendosi verificato durante un declino e avendo chiuso vicino ai minimi della sessione (segno ribassista), comporta che i traders per poter agire devono aspettare la conferma. La conferma può presentarsi attraverso l’apertura o preferibilmente la chiusura al seguito delle candele al di sopra del real body dell’hammer invertito, il quale esercita una pressione ai venditore per coprire le loro posizioni corte delle sessioni precedenti.
L’immagine sotto mostra la shooting star e l’hummer invertito.

Strategia Trading con Reversal Giapponesi

L’analisi tecnica nel trading online forex e opzioni binarie rappresenta un fattore determinante per ottenere successo e profitti dai nostri investimenti. In questo articolo metteremo in risalto e approfondiremo alcune candele reversal e modelli candlestick che rappresentano degli strumenti molto importanti per analizzare i mercati e creare i segnali di trading ad alta probabilità di successo con le opzioni binarie e sul forex.

Nei prossimi giorni seguiranno degli esempi in diretta trading con le opzioni binarie.

Doji Candlestick

Tutti i classici Doji Candlestick presentano lo stesso prezzo di apertura e di chiusura, anche se potremmo leggere con maggiore flessibilità questa interpretazione aggiungendo a questi anche i candlestick che presentano delle piccole differenze dei prezzi di apertura e di chiusura, apportando in questo modo delle piccole variazioni ai classici doji.

La candela Doji rappresenta un segnale di cambiamento del trend soprattutto durante i rallies. I reversal con molta probabilità aumentano quando le susseguenti candele confermano le potenziali inversioni doji, dove il mercato è più esteso del normale e dove i doji non appaiono in grandi gruppi. I quattro maggiori tipi di doji sono raffigurati nell’immagine sottostante.

Long-Legged Doji

Il long-legged doji si rappresenta con lunghe ombre nella parte superiore ed inferiore. Se il doji ha un piccolo real body e ombre lunghe, questo viene chiamato high-wave candle. Entrambe indicano una situazione di mercato indecisa, rappresentato dall’incapacità del mercato a tenere guadagni o perdite durante il periodo. Le ombre lunghe suggeriscono che il mercato ha perso il suo senso della direzione e sta entrando in un punto di transizione.

Dragonfly Doji

Il Dragonfly Doji è un candlestick rialzista dove l’apertura/chiusura sono ai massimi della sessione. Come l’hammer esso mostra un mercato che ha visto un forte interesse all’acquisto che contrasta la vendita precedente, prima di vedere i massimi della sessione che indicano un aumento della domanda.

Gravestone Doji

Il Gravestone Doji rappresenta la controparte ribassista del Dragonfly doji. Si verifica quando i bulls sono stati respinti e il mercato ha chiuso di nuovo all’apertura dopo il rifiuto dai massimi.

Scarica una copia della Metatrader 4 Gratis per analizzare i mercati e trovare le Doji per il Trading Online!

Doji Trading e Market Contest

Le linee dei candlestick devono essere viste in un contesto di prezzo e di attività alla base del modello, soprattutto quando abbiamo a che fare con i Doji candlestick.

I Doji sono maggiormente utili per richiamare i piani di mercato, specialmente quando appaiono dopo una lunga candela bianca o dopo un rally prolungato. In quest’ultimo caso il Doji prende il nome di Northern Doji.

Il contrario di quest’ultima che prende per l’appunto il nome di Southern Doji dovrebbe essere trattata con molta cautela per le chiamate market bottom in quanto può apparire numerose volte durante un trend ribassista. I Doji Candlestick che appaiono durante i periodi di prezzi laterali che non vengono seguiti da trend sono molto utili quando appaiono attorno a livelli di supporto e di resistenza all’interno del range.

I segnali delle candele (comprese le doji) sono eccellenti per identificare i reversal precoci per i quali non si prevedono estensioni di movimento, così che i trader dovrebbero stare attenti all’interno di quale contesto esse appaiono (come ad esempio in prossimità di supporti e resistenze, High/Low, etc).

Un Potente strumento per le strategie Long Term 2/2

Vai alla Parte 1

Adesso osserveremo alcuni esempi di divergenza tra le serie di prezzi e qualche oscillatore che misura il momentum che segue il trend del prezzo.

Il grafico sopra mostra un daily AUD/USD con gli indicatori RSI e MACD situati nella parte inferiore. Qui viene mostrato un esempio di divergenza, con la rottura della linea di supporto e della linea del trend che fungendo da conferme di prezzo avrebbero messo il trader nella situazione per piazzare un trade dopo gli avvisi di divergenza. I segnali di divergenza danno al trader un importante indizio di una inversione improvvisa del trend.

Il secondo grafico è una ripetizione del grafico daily AUD/USD di cui sopra, ma rispetto al primo sono stati utilizzati altri due indicatori, il Chande Momentum Oscillator (CMO) e l’oscillatore Stocastico. Anche se abbiamo utilizzato due indicatori differenti, possiamo notare che emergono le stesse divergenze tra il prezzo e l’oscillatore nello stesso momento. Unica differenza riguarda un’ulteriore indizio dato dal candlestick rialzista” hammer”, che ci permette di notare una improvvisa inversione del trend.

Il terzo grafico mostra un esempio di una divergenza positiva tra il prezzo e gli oscillatori RSI e MACD che porta ad una inversione rialzista del trend del grafico a 1H NZD/JPY. La conferma dei prezzi viene data da due candlestick rialzisti ovvero l’Hammer ed il “belt hold”; mentre non sarebbe stata una ideale rottura del trend-line per iniziare un trade.

L’analisi della divergenza è molto proficua quando si esaminano i grafici dei prezzi a lungo termine così come i candlestick giornalieri con gli oscillatori. Questo avviene probabilmente perché le situazioni di divergenza sono più prevedibili in periodi a lungo termine perchè i mutamenti interni del mercato, alterando lentamente l’equilibrio domanda/offerta, determinano un cambiamento del trend.
Il senso logico di tutto ciò, sta nel fatto che i cambiamenti di prezzo nel breve termine molto spesso sono causati da “rumori” di mercato o da flussi di ordini, mentre quelli a lungo termine riflettono i cambiamenti strutturali dell’equazione tra domanda e offerta. Tuttavia nel terzo grafico è stato dimostrato che in modo occasionale si possono ottenere ottimi esempi di altre situazioni di trade a breve termine.
L’analisi della divergenza risulta molto utile per identificare le fasi iniziali di una inversione di tendenza, specialmente nel lungo periodo, e per la quale molti oscillatori possono emettere dei segnali di allarme a volte anche molto simili.

CONSIDERAZIONI IMPORTANTI

Tutti i traders devono stare molto attenti ed essere consapevoli che gli oscillatori si basano sui dati estrapolati dai prezzi e che questi dati derivano dalla manipolazione degli stessi. Osservando diversi oscillatori di prezzo in relazione ad uno stesso periodo, questi possono creare nel chartist un falso senso di sicurezza perché gli oscillatori generalmente tendono a produrre gli stessi risultati.
L’attesa di una conferma per effettuare il trade, dovrebbe aiutare a ridurre questi problemi ed allo stesso tempo rendere minimi i falsi trade.

Divergenze e Convergenze per le strategie Long Term 1/2

Conoscere il principio di divergenza prezzi / indicatori è molto importante per i traders che studiano i movimenti dei prezzi e degli indicatori tecnici. Molti strumenti di analisi, come l’indicatore Stocastico, il MACD e l’RSI, per nominarne soltanto alcuni, sono molto efficaci soprattutto per il trading di valute nei mercati con trend forti. Tuttavia la loro efficacia è più limitata quando le valute assumono trend laterali.
Durante un trend forte, un oscillatore generalmente trascorre un periodo più o meno lungo nella zona di overbought/oversold, e i breakouts provenienti da queste aree molte volte saranno falsi segnali così come i momentum di acquisto o di vendita che seguono la ripresa del trend originale. Il momentum che sta dietro una forza di mercato predominante che fa precipitare il trend, è molto importante ed è da qui che l’analisi della divergenza assume un ruolo fondamentale.

Il momentum può essere considerato come quella forza latente che sta dietro al trend di fondo. Generalmente un cambio di trend dei prezzi viene preceduta da una fase di lateralizzazione o compressione di volatilità sui prezzi (perdita del momentum). Anche se questo non rappresenta il caso ideale (molte volte il momentum ed il prezzo si annullano insieme ad esempio quando i prezzi si spostano in modo improvviso fino al livello di supporto/resistenza), il momentum può servire da avvertimento di un improvviso cambio di trend.
Quando i movimenti di un indicatore (specialmente quelli che misurano il tasso di cambio del prezzo) corrispondono con quelli del trend dei prezzi (ad esempio i nuovi High/Low dell’indicatore corrispondono con i massimi/minimi del prezzo) si dice che “conferma o converge” il prezzo del trend. Quando invece un indicatore o un oscillatore non conferma il trend, si verifica in questo caso una situazione di “divergenza”. Quest’ultima rappresenta un segnale di allarme di un potenziale cambio di trend e, partendo dal presupposto che il cambiamento potrebbe essere molto improvviso, il trader deve guardare con molta attenzione tutti i dati sui prezzi durante la fase in cui l’indicatore conferma nuovi alti e bassi.

Prima di una inversione di prezzo si possono verificare delle divergenze tra gli indicatori e il prezzo stesso e, nel lungo periodo, questa situazione viene interpretata come un ottimo segnale in cui il momentum che sta dietro il trend del prezzo si è dissipato e una inversione di prezzo è vicina.
I traders devono confermare tutti i segnali di trading degli oscillatori basati sull’analisi del momentum (come la divergenza) con l’azione del prezzo stesso, la quale deve essere presa soltanto quando il segnale conferma l’inversione di tendenza, come ad esempio dopo un breakout o una figura grafica. Questa regola è molto importante, in quanto gli indicatori di momentum assumono il loro normale ritmo ciclico visto durante le fasi di trend e pullback, cioè quando il movimento del trend del prezzo è lineare e i movimenti anticiclici sono inesistenti, rendendo in questo caso gli oscillatori inefficaci.

Come visto precedentemente, possono esistere delle divergenze tra l’oscillatore ed il prezzo prima di un cambio di trend. E’ importante aspettare una conferma di inversione prima di agire seguendo il segnale, cercando di evitare lo sviluppo di una seconda o una terza divergenza.

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Come iniziare a fare trading di opzioni binarie
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: