Il Capodanno che si è trasformato in un incubo, il cliente: “Sono vivo per pura fortuna”


35796785 10215882492646217 8579521186092810240 n1

  Enrico Onori ha accolto la sentenza con soddisfazione, i fatti che lo riguardano risalgono al 2010 quando l’uomo, romano di Monteverde vecchio, venne a Tivoli per festeggiare il Capodanno presso le “Thermae Gregoriane” insieme a una comitiva di amici.

Dopo la cena gli amici si spostarono nella zona delle terme all’interno di Palazzo Mancini, il centro benessere di via Domenico Giuliani, e il giorno dopo l’uomo cominciò ad accusare malesseri e poi una febbre alta: Onori aveva contratto la legionella, malattia che ha un tasso di mortalità del 40%. I prelievi di Arpa Lazio, dopo la denuncia dell’uomo, rilevarono la presenza di una forte colonia.

 

 Al tempo la struttura termale la gestiva l’associazione “Thermae Gregoriane”. Oggi è arrivata la sentenza del Tribunale di Tivoli.

 

Su Tiburno, in edicola da martedì 19 giugno, l’approfondimento:

 

– i dettagli della festa che si trasformò in un incubo

 

– la parola all’imputato. Giannino Innocenti, amministratore della “Residenze Gregoriane srl”: “Struttura affittata a terzi, Residenze Gregoriane non c’entra coi fatti”

 

– la parola al cliente contagiato

 

– la sentenza del Tribunale di Tivoli



Continua a leggere