Asti BenEssere: Agopuntura – ATNews.it


Siamo arrivati al sesto appuntamento della rubrica quindicinale dedicata al benessere con gli interventi di professionisti del settore. Anche oggi l’articolo è curato dalla Dottoressa Laura Moraglio che ci parla di Agopuntura

Agopuntura

 

di Laura Moraglio

L’agopuntura è un’antica tecnica terapeutica nata in Cina migliaia di anni fa ed importata in Occidente negli ultimi secoli.
Essa è una delle tante tecniche utilizzate dalla Medicina Tradizionale Cinese, che comprende anche la Moxibustione, la Fitoterapia, la Dietetica, il Massaggio e le Ginnastiche mediche.

Si suppone sia nata dall’osservazione che traumi in punti specifici del corpo portavano alla risoluzione di patologie preesistenti nel paziente. L’esperienza di secoli ha poi gradualmente portato alla creazione di una teoria organica e alla mappatura di centinaia di punti riuniti in Meridiani.

Le ricerche moderne hanno permesso di comprendere come effettivamente gli agopunti siano aree cutanee caratterizzate da peculiari qualità fisiche e come la loro stimolazione possa innescare una serie di reazioni e di attivazioni di strutture organiche (una per tutte la via di trasmissione del dolore) che portano a risultati terapeutici importanti.

L’agopuntura in Italia è considerata un atto medico e pertanto può essere praticata solamente da laureati in Medicina e Chirurgia abilitati alla professione.
Esistono scuole di perfezionamento post lauream che rilasciano il diploma necessario per poter praticare l’attività di agopuntore.

Essendo praticata da medici, l’agopuntura prevede una visita medica a tutti gli effetti e la formulazione di una diagnosi, eventualmente avvalendosi della collaborazione di altri specialisti. La terapia sarà poi impostata in modo personalizzato, scegliendo gli agopunti più adatti alla situazione.

I trattamenti possono essere eseguiti generalmente anche in contemporanea all’assunzione di eventuali altre terapie convenzionali e non convenzionali e sono di solito a cadenza settimanale.
La tecnica, in mano a medici esperti, è sicura e praticamente priva di effetti collaterali.
Vengono utilizzati aghi di acciaio sterili e monouso, prodotti secondo gli standard accettati dalla Comunità Europea.
L’infissione dell’ago non è dolorosa, ma è necessario che il paziente avverta la stimolazione (come una sorta di formicolio o un senso di pesantezza) che indica l’attivazione delle strutture nervose presenti nella zona del punto di inserzione.

L’Organizzazione Mondiale delle Sanità (OMS) ha stilato un elenco di patologie per cui ritiene consigliabile l’utilizzo dell’Agopuntura e che sono le patologie per cui più frequentemente è richiesto l’intervento del medico agopuntore. Eccone alcune:
Artrosi della colonna vertebrale, cervico-brachialgie, lombalgie,  lombosciatalgie, periatrite scapolo-omerale, epicondilite, rizartrosi del pollice, artralgie della mano, sindrome del tunnel carpale in fase iniziale, algie dell’articolazione sacro-iliaca, coxartrosi,  gonartrosi, metatarsalgie, contratture muscolari distrettuali e disattivazione di trigger points.
Cefalea tensiva, emicrania, nevralgia del trigemino.
Irregolarità del ciclo mestruale, amenorrea, dismenorrea, sindrome premestruale, sindrome climaterica, infertilità, infezioni genito-urinarie recidivanti, iperemesi gravidica, presentazione podalica (tra la 33^ e la 35^ settimana di gestazione).
Gastrite, nausea, vomito, stipsi, colon irritabile.
Sinusite, rinite vasomotoria, faringite cronica, ipoacusia, vertigini.
Oculorinite e asma allergici.
Orticaria, rash cutanei, dermatiti, eczemi.
Ansia, depressione lieve, insonnia.

Spesso il paziente si rivolge all’Agopuntura come ultima risorsa, quando la medicina occidentale non è riuscita a soddisfare le sue aspettative. In realtà, l’Agopuntura non vuole essere un’alternativa alla medicina occidentale, ma rappresenta un trattamento complementare delle varie patologie, partendo da un differente punto di vista e privilegiando l’uomo nel suo complesso, tenendo conto che un disturbo fisico spesso influisce anche sull’aspetto psichico e viceversa.
Il paziente che si rivolge al medico agopuntore può ottenere il massimo risultato terapeutico, grazie alla conoscenza approfondita e all’integrazione delle diverse metodiche terapeutiche, convenzionali e non.

 

Dott.ssa Laura Moraglio
C.so Alfieri 174 ASTI
www.astiagopuntura.it

La Rubrica Asti BenEssere è a cura della Cooperativa della Rava e della Fava



Continua a leggere