Caltagirone, il Vescovo alla Rems per incontrare ospiti e operatori


Monsignor Calogero Peri, vescovo di Caltagirone, ha incontrato ieri gli ospiti e gli operatori della Rems di Santo Pietro. Il pastore della Chiesa calatina è stato accolto dal dr. Giuseppe Giammanco, direttore generale dell’Asp di Catania; dalla dott.ssa Daniela Faraoni, direttore amministrativo; dal dr. Giuseppe Fichera, direttore del DSM dell’azienda catanese; dal dr. Raffaele Barone, direttore del modulo DSM Caltagirone-Palagonia; dal dr. Salvo Aprile, dirigente responsabile della REMS. Presenti don Salvatore De Pasquale, economo diocesano e parroco della Parrocchia “Santo Pietro”; la dr.ssa Giovanna Pellegrino, direttore medico dell’Ospedale “Gravina”; la dr.ssa Maria Grazia Sotera, dirigente responsabile della CTA di Santo Pietro; l’ing. Francesco Alparone, dirigente dell’UOC Tecnico; la comunità delle Suore del Sorriso di Santo Pietro; la contessa Gaetana Bartoli Gravina, presidente della delegazione calatina dell’Accademia italiana della cucina.

Alle ore 11.30, il Vescovo ha celebrato la Santa Messa presso la struttura. “Agli uomini – ha affermato mons. Peri nell’omelia – appartiene sempre un tempo, il venerdì santo, quando inchiodiamo qualcuno in croce, quando lo emarginiamo, quando agiamo con violenza. Ma dopo il nostro giorno, c’è il giorno che “ha fatto il Signore”, il giorno in cui Dio “lo ha resuscitato”. Dio ci dice che nessuna tempesta può spegnere la luce, o può far tacere il desiderio di vita e di futuro che abita nell’uomo. Auguro a tutti coloro che vivono questo luogo di poter attingere a questa bellezza e di poter dire all’altro: puoi contare su di me! Essendo gli uni per gli altri ci si aiuta a vivere meglio”.

“Ringrazio mons. Peri per l’attenzione pastorale che ci esprime – ha detto il dr. Giammanco – e per le parole che ci ha rivolto, che ci aiutano e ci esortano nel nostro lavoro ad operare sempre e unicamente per il benessere delle persone che ci sono affidate”. Dopo la Messa il Vescovo ha pranzato con gli ospiti della comunità maschile e femminile della REMS e con gli operatori. Il pranzo è stato preparato e servito dagli utenti. Attualmente sono 20 gli ospiti del modulo maschile e 7 del modulo femminile.



Continua a leggere